fbpx
BEAUTY FORUM

For Professional use only

Il messaggio olfattivo come messaggio di benessere diretto e coinvolgente

Profumo di benessere

  • Beauty Forum

Gli odori influenzano diversi aspetti del nostro comportamento, migliorando l’interazione con l’ambiente e arricchendo le esperienze. Oggi l’olfatto è stato riscoperto e attorno al mondo dei profumi e delle fragranze ruotano molti settori, dalla moda alla cucina, al marketing, al benessere. Nonostante questo, paradossalmente, le Spa e i centri estetici - che dovrebbero essere i templi dell’olfatto - troppo spesso utilizzano i profumi e le essenze in modo improprio, considerandoli elementi accessori, piuttosto che veri e propri protagonisti dell’esperienza di benessere.

L’aspetto più interessante del sistema olfattivo è sicuramente il suo legame con le emozioni e gli stati d’animo. Fin dalla nascita siamo immersi in un caos olfattivo, una vera e propria giungla di odori più o meno intensi che nel corso degli anni si fissano nella memoria, insieme a emozioni ed esperienze, e con esse vanno a formare la “memoria olfattiva”. L’utilizzo razionale dei profumi nei centri benessere, quindi, permette di ottenere ottimi risultati, in quanto il messaggio olfattivo agisce su un canale di comunicazione non saturato da messaggi ridondanti e coinvolge emotivamente il cliente, lavorando sulle zone più remote del suo cervello. L’essenza giusta contribuisce alla buona riuscita di un massaggio proprio come le manovre manuali, la musica e gli altri sensi - troppo spesso dimenticati.

La combinazione di diverse essenze permette di ottenere effetti sinergici durante i massaggi, ottimizzandone i risultati:

  • nei massaggi antistress si possono scegliere essenze con proprietà rilassanti e distensive (lavanda, ylang-ylang, salvia, camomilla, elicriso, arancio, rosa);
  • nei massaggi energetici, essenze con proprietà rivitalizzanti e stimolanti (maggiorana, rosmarino, menta, geranio, cisto, carota, basilico).

Se gli spazi e l’architettura del centro lo consentono, si possono addirittura sfruttare le proprietà delle fragranze nei diversi ambienti, per esempio:

  • sala d’attesa: osmanto (aiuta a contrastare la noia, stimola le sensazioni positive);
  • area retail: mughetto (distende, induce positività, migliora l’umore);
  • area relax: abete odoroso (rilassa, combatte lo stress e le emozioni negative);
  • cabina per trattamenti di coppia: tuberosa (stimola la sensualità, induce sentimenti positivi).

Mi auguro che presto gli operatori comprendano fino in fondo il potenziale dei profumi e inizino a utilizzarli con scienza e coscienza per deliziare i clienti e rendere ancora più efficaci i trattamenti e i rituali.

Andrea Bovero
Presidente CIDESCO Italia
General Manager LIFEXCELLENCE

 

 

#BeautyForum, #inogninumero, #opinione, #BF_mag_giu_20


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102