fbpx
BEAUTY FORUM

For Professional use only

COVID-19: cosa abbiamo imparato

COVID-19: cosa abbiamo imparato

  • Beauty Forum

Il termine "Coronavirus" è destinato a cambiare la storia da diversi punti di vista, non solo in ambito sanitario, sociale ed economico. Secondo alcuni studi, la birra Corona - storico marchio messicano di proprietà del gigante delle birre Anheuser-Busch InBev - ha dichiarato un calo di ricavi per circa 285 milioni di dollari in soli due mesi a causa dell'assonanza del proprio brand con il virus che ha allarmato tutto il mondo. Per non parlare poi degli effetti del Covid-19 sulla comunicazione a livello globale, basti pensare alla crescita esponenziale di hashtag che fino a pochi mesi fa non esistevano o alla messa in circolazione di nuove emoticon e icone Facebook.
Ma quali sono i concetti chiave che identificano il momento che stiamo vivendo e ci aiutano a capire quali saranno le tendenze del futuro?

FRAGILITÀ NELLA FORZA

In questa crisi senza precedenti ci siamo trovati di fronte alla fragilità del nostro ecosistema, stressato dal sovrappopolamento, dall'industrializzazione e dalla globalizzazione. Siamo al vertice della catena alimentare, dominiamo il pianeta, ma basta una minima causa per generare il collasso del sistema.

UNIONE NELLA DIFFIDENZA

Mai come oggi avvertiamo il bisogno di restare uniti e di aiutarci a vicenda, cerchiamo i sorrisi che si nascondono dietro le mascherine, ma le nuove regole sociali ci impongono di mantenerci a distanza e diffidare dagli altri.

INSTABILITÀ NELL'IMPREVEDIBILE

In una realtà integrata, iper connessa e veloce come quella che stiamo vivendo, gli eventi non sono più indipendenti, ma intimamente correlati. A ogni azione corrisponde una reazione difficile da prevedere, e gli effetti collaterali possono essere severi e inaspettati.

RINNOVAMENTO DELLA CREATIVITÀ

Abbiamo bisogno di reinventarci e, se vogliamo trovare soluzioni semplici a problemi complessi, dobbiamo stimolare la creatività e affidarci al pensiero laterale (creativo) più che a quello verticale (razionale), liberando il bambino che è in noi.

INNOVAZIONE NELLA SOSTENIBILITÀ

Dobbiamo investire in innovazione e tecnologia, ma non possiamo più permetterci errori: ora più che mai ci siamo resi conto che le uniche soluzioni possibili per un futuro sostenibile sono quelle che rispettano l'ambiente, la natura e gli esseri viventi.

FELICITÀ NELLA SEMPLICITÀ

La complessità delle vicende che si sono verificate negli ultimi tempi ha generato in tutti noi un forte desiderio di semplicità. Abbiamo capito che probabilmente eravamo felici ma non ce ne rendevamo conto e questa nuova consapevolezza influenzerà le nostre scelte future, a partire da quelle di acquisto.

UGUAGLIANZA TRA ESTETICA E SOCIETÀ

Il distanziamento sociale, le precauzioni e le protezioni hanno modificato profondamente il concetto di estetica. Con le mascherine siamo tutti uguali - nella nostra unicità - e per comunicare in modo efficace dovremo trovare nuove soluzioni, che vadano oltre le espressioni del viso e il contatto fisico.

RISCOPERTA DEI VALORI

Le grandi crisi globali determinano importanti cambiamenti sociali che nascono da riflessioni profonde. L'isolamento ci ha permesso di riscoprire i valori veri che avevamo dimenticato e per un po' di tempo ce ne ricorderemo. Senso della famiglia, appartenenza, sicurezza sono solo alcuni dei valori che orienteranno i consumatori.

"GLOCALITÀ" NEL TERRITORIO

Con il passare degli anni abbiamo capito che gli effetti collaterali della globalizzazione sono pesanti, per questo da tempo abbiamo iniziato a valorizzare le realtà locali, riscoprendo il sapore del territorio e il gusto delle tradizioni che vi appartengono.

"CONTATTO" VISIVO

Il settore del Wellness si fonda su un concetto di accoglienza che vede nel contatto il punto di partenza e di arrivo di qualsiasi trattamento. Negli ultimi anni il senso del tatto è stato valorizzato ed è arrivato ad occupare un gradino sempre più alto nella piramide della gerarchia dei sensi. A detta dei sociologi, questo processo è iniziato in seguito ai tristi avvenimenti dell'11 settembre 2001, quando probabilmente abbiamo iniziato a diffidare dal senso della vista, diretto, razionale e un po' crudo. Forse nell'era post-virus assisteremo a un'inversione di tendenza e il senso del tatto subirà un lieve ma sostanziale rallentamento nello sviluppo della socialità, in favore della vista che tornerà a essere considerato un senso più "sicuro".
Dovremo tenere in considerazione queste evoluzioni, per offrire un servizio efficace e in linea con le aspettative e i desideri dei consumatori del futuro.

Andrea Bovero
Presidente di CIDESCO Italia e General Manager di LIFEXCELLENCE.

 

#BeautyForum, #wellness, #BF_life&work, #BF_mag_giu_20


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102