fbpx
BEAUTY FORUM

For Professional use only

innovativi prodotti multifunzionali che fanno miracoli in caso di piccole e grandi imperfezioni

Uno Per Tutti E Tutti Per Uno

  • Beauty Forum

 

Questo articolo fa parte del Dossier
Cover Up


Sono sulla cresta dell'onda ormai da alcuni anni e li usiamo tutte quando ci trucchiamo o trucchiamo le nostre clienti: si tratta dei cosmetici "2-in-1", "3-in-1" o "tutto-in-uno", innovativi prodotti multifunzionali che fanno miracoli in caso di piccole e grandi imperfezioni. Vediamo quali sono i più usati e come funzionano.

I veri protagonisti della scena beauty del momento sono i prodotti "multifunzionali": cosmetici di ultima generazione che permettono di ottenere diversi effetti in una sola passata - dalla copertura delle imperfezioni all'idratazione della pelle, fino al tanto agognato effetto antiage. 
Vediamo le caratteristiche dei quattro prodotti più utilizzati e come impiegarli per mascherare efficacemente piccoli difetti e perfezionare l'incarnato.

1. PRIMER

Prima ancora del fondotinta, sul viso va applicato un primer, che serve a preparare la pelle ai prodotti successivi, uniformare l'incarnato e prolungare la tenuta della base.
Con i primer di ultima generazione, però, si può fare anche molto altro.

  • L'aggiunta di principi attivi come acido ialuronico e vitamina E permette di donare alla pelle una dose extra di idratazione che la rende più tonica, morbida e uniforme.
  • Ciò facilita la stesura e la sfumatura del fondotinta e rende il make up più omogeneo e naturale.
  • In molti primer vengono aggiunti degli ingredienti soft-focus: pigmenti finissimi di ultima generazione che riflettono la luce in maniera diffusa e donano immediatamente al viso una delicata luminosità. L'incarnato appare, così, perfetto e uniforme, mentre ombre scure e leggeri arrossamenti vengono nascosti delicatamente.
  • In alcuni casi, l'applicazione del fondotinta diventa addirittura superflua, soprattutto quando si vuole ottenere un risultato particolarmente naturale.
  • Bisogna, però, fare molta attenzione: alcuni primer contengono siliconi e, sebbene rendano l'incarnato immediatamente più liscio, uniforme e senza pori evidenti, su una pelle da mista a grassa andrebbero accuratamente evitati. Poco dopo l'applicazione, infatti, la cute inizierebbe a sudare, rendendo il viso unto e lucido e facendo "scivolare" il fondotinta.
  • In generale, comunque, sarebbe meglio scegliere sempre prodotti privi di siliconi (soprattutto se si desidera una texture leggera e facile da "indossare") e applicarne solo la quantità adeguata. 

 2. BB- / CC-CREAM

Chi cerca un prodotto che unisca i benefici del primer alla praticità del fondotinta e che, eventualmente, abbia anche il filtro solare, può ricorrere alle "creme dell'alfabeto" come le BB-Cream ("Blemish Balm") o le CC-Cream ("Color Correction").

  • Questi prodotti multifunzionali sono molto amati dalle beauty addicted e non solo, tanto che sono una presenza fissa nel beauty case di clienti e professionisti. Vengono definiti prodotti "5-in-1" o addirittura "tutto in uno".
  • Questi prodotti racchiudono più caratteristiche in un'unica formulazione: nutrono e idratano la pelle, correggono e nascondono le imperfezioni, proteggono dai raggi UV e dall'inquinamento.
  • Le BB-Cream e le CC-Cream sono un ibrido che unisce in un unico prodotto il meglio del make up e dei prodotti per la skin care. Sono, inoltre, molto facili da applicare e da utilizzare e, in genere, vanno bene per ogni tipo di pelle.

(Abbiamo parlato più diffusamente di questi prodotti su Beauty Forum di luglio/agosto in "Il Trucco come Opportunità": recupera l'articolo online!) 

3. FONDOTINTA

Il fondotinta è una delle componenti principali di un make up davvero completo: è la "base" di tutto ciò che verrà applicato in seguito. Ce ne sono di diversi tipi, consistenze e texture, per adattarsi a ogni tipo di pelle e all'effetto che si desidera ottenere.

  • Le formulazioni dei primi fondotinta erano a base principalmente lipidica ma, nel corso dei decenni, questi prodotti si sono evoluti fino a diventare cosmetici hi-tech multifunzionali ed estremamente performanti.
  • Ad oggi, è normale arricchire le formulazioni dei fondotinta con principi attivi idratanti o anti-age, oppure con pigmenti micronizzati e ultra-fini.
  • Una formulazione così "evoluta" è anche leggera e ariosa e si fonde perfettamente con l'incarnato quando viene stesa.
  • L'applicazione di questi prodotti è molto semplice: basta usarne la giusta quantità, e il gioco è fatto. Una regola pratica: la quantità corretta di fondotinta corrisponde a metà della dose di crema usata sul viso.
  • Per quanto sia evoluto e performante, però, il solo fondotinta non è sufficiente per un trucco senza imperfezioni: serve anche un'accurata skin care! Un make up, infatti, è perfetto nella misura in cui è perfetta la pelle che vi sta al di sotto. 

 4. CORRETTORE

Una delle domande che mi vengono rivolte più spesso durante i workshop con le mie clienti è quale sia la differenza tra fondotinta e correttore.

  • Di norma, il correttore è più pigmentato e più coprente rispetto al fondotinta, cosa che lo rende perfetto per nascondere piccoli difetti come occhiaie, arrossamenti, teleangectasie (i "reticolati" di vene in evidenza) o iperpigmentazioni.
  • Inoltre, casi eccezionali a parte, il fondotinta viene steso su tutto il viso, mentre il correttore viene applicato "a spot" solo dove serve.
  • Come i fondotinta, però, anche i correttori sono disponibili in texture e formulazioni diverse - da quelle fluide a quelle cremose, da quelle compatte e in stick a quelle in polvere - per adattarsi al tipo di pelle e al risultato che si vuole ottenere.
  • I principi attivi aggiunti ai correttori ne determinano l'area in cui andrebbero applicati: quelli ad azione calmante e sfiammante, ad esempio, andrebbero usati per coprire piccole pustole e aree arrossate, mentre quelli con ingredienti antiage sono perfetti per il contorno occhi. 
  • Se la cliente desidera un make up leggero e dall'effetto naturale, si può saltare il passaggio del fondotinta e nascondere le irregolarità cutanee direttamente dopo il primer o la crema idratante. 
  • In tutti gli altri casi, invece, il correttore andrebbe applicato su quei punti in cui il fondotinta (o la BB-/CC-Cream) non sono abbastanza coprenti da uniformare l'incarnato.
  • L'area su cui più spesso viene usato il correttore è quella perioculare per nascondere occhiaie, ombre scure ed eventuali rossori.
  • Se la cliente ha la pelle matura, è meglio scegliere un prodotto moderno e multifunzionale.
  • I correttori arricchiti di principi attivi idratanti aiutano a distendere le eventuali rughe d'espressione e a rendere più morbida e omogenea l'area intorno agli occhi.
  • Per una scarica di energia e un effetto "sveglia" si possono usare dei correttori arricchiti di caffeina e micro-pigmenti, che rendono subito lo sguardo più aperto e luminoso.

 ←

Anche se vengono usati questi prodotti multifunzionali, prima del make up il viso va comunque preparato con una crema idratante e nutriente adatta al tipo di pelle della cliente. In questo modo si perfeziona l'incarnato e non si corre il rischio che il trucco diventi "a macchie" poco dopo l'applicazione.

 

Throsten Joffroy
Make up artist e beauty expert, lavora come consulente, coach e docente per il settore estetico.

 

 

Questo articolo fa parte del Dossier
Cover Up

Gli altri articoli del Dossier:

 

Piccoli Difetti
Dalle cicatrici da acne alla peluria sul viso: i 7 inestetismi più comuni in cabina

L'Arte del Correggere
Come comportarsi quando ci si trova a dover correggere un lavoro di dermopigmentazione?

A Lezione di Make Up
Organizzare workshop in istituto per insegnare alle clienti a truccarsi




#BeautyForum, #BF_dossier, #makeup, #coverup, #BF_nov_20


Newsletter Beauty Forum


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102