fbpx
BEAUTY FORUM

For Professional use only

Trattamenti e consigli di bellezza per future mamme

A prova di pancione

  • Beauty Forum

 

→ Questo articolo fa parte del Dossier
Bellezza in dolce attesa

 

Com’è naturale che sia, dal momento in cui una donna scopre di essere in dolce attesa tutte le sue attenzioni si concentrano sul bebè in arrivo. Nei mesi “movimentati” che precedono la nascita di un figlio, tuttavia, la futura mamma non dovrebbe mai trascurare la propria bellezza. In questo periodo ricco di cambiamenti - del corpo, ma non solo - il tuo bagaglio di competenze e la tua esperienza possono rivestire un ruolo fondamentale, suggerendoti il modo corretto di intervenire sugli inestetismi tipici della gravidanza con trattamenti professionali mirati. Questi trattamenti possono essere proposti come veri e propri pacchetti rivolti alle future mamme. Un possibile pacchetto potrebbe comprendere, ad esempio, un tot sedute a una cadenza regolare di 4-6 settimane e includere almeno un trattamento da eseguire dopo il parto. Spalmando i trattamenti nel tempo, potrai aiutare la tua cliente ad attenuare in modo efficace, se non addirittura a eliminare completamente, iperpigmentazioni, irritazioni cutanee, arrossamenti, teleangectasia e dermatiti - tutti inestetismi molto comuni in gravidanza. Tieni a mente che le patologie cutanee già in corso possono sia migliorare che peggiorare e, allo stesso modo, anche il tipico rigonfiamento dei tessuti può avere un doppio esito: se da un lato fa apparire più soda, florida e compatta la pelle del viso, dall'altro causa problemi e dolore agli arti.
A seconda dei casi, la pelle del viso di una donna in stato interessante può diventare più secca o più grassa: un incarnato che prima della gravidanza era ricco di impurità può apparire più fine e roseo, ma può accadere anche il contrario. Inoltre, nella maggior parte dei casi, in gravidanza si assiste a un miglioramento della psoriasi e spesso diminuiscono anche le manifestazioni allergiche; raramente, però, questi cambiamenti sono definitivi.
I trattamenti in cabina e le cure domiciliari vanno adattate a queste mutevoli condizioni. Solitamente i cosmetici che la tua cliente ha usato fino a quel momento non vanno più bene; rivedi la sua beauty routine quotidiana, escludendo i prodotti che contengono ingredienti inutili, irritanti o troppo aggressivi; qualora dovessero insorgere irritazioni e/o prurito, procedi lenendo, rinfrescando e idratando la pelle colpita.

Consigli e trattamenti

Cosa consigliare alla cliente che si trova nel primo trimestre di gravidanza:

  • Fare una visita dal dentista: una donna incinta è particolarmente soggetta a patologie del cavo orale come la parodontite (che può addirittura aumentare il rischio di un aborto spontaneo).
  • Consultare un endocrinologo per controllare che la tiroide funzioni regolarmente (una delle condizioni fondamentali per una gravidanza sana).
  • Eseguire uno screening per scongiurare l’insorgere del diabete: il diabete gestazionale, infatti, è una delle complicazioni più comuni sia per la futura madre che per il bambino.
  • Applicare sempre una protezione solare minerale ad alto potere schermante per prevenire la comparsa di iperpigmentazioni come, ad esempio, il cloasma. La pelle delle donne in stato interessante, infatti, è molto più incline ad alterazioni pigmentarie rispetto alla pelle delle donne non incinte.
  • Iniziare per tempo cicli di trattamenti per prevenire le smagliature al seno (che in gravidanza può aumentare anche di due misure).
  • Proporre alle clienti particolarmente soggette a irritazioni cutanee, che potrebbero peggiorare con la gravidanza, appositi trattamenti in cabina.

Durante il secondo trimestre di gravidanza:

  • Per diminuire i crampi muscolari è fondamentale che l’apporto di magnesio sia adeguato.
  • È bene tenere sotto controllo anche il livello di vitamina E, responsabile di una bella pelle per la futura mamma e di una buona salute per il feto (sia in termini di crescita che di peso). Inoltre, se la gestante è più avanti con l’età o se per qualche motivo è stato programmato un parto cesareo, un livello ottimale di vitamina E aiuta a scongiurare il rischio di un parto prematuro.
  • In questo trimestre, ci si dovrebbe concentrare in particolare su quei trattamenti estetici in grado di migliorare l'elasticità della pelle del ventre e del seno.

Durante il terzo trimestre di gravidanza:

  •  È il momento che la cliente cominci a eseguire regolarmente massaggi perineali: rendere più elastica la pelle tra la vagina e l’ano contribuisce a diminuire l’eventualità che si verifichino lacerazioni cutanee durante il parto.
  • Per tenere in allenamento la pelle in ottica anti-smagliature, massaggia il ventre e il petto della cliente eseguendo dei leggeri movimenti sia pizzicati che circolari. Per prevenire questo fastidioso inestetismo si può anche ricorrere all’applicazione regolare di fiale di elastina. Ricorda, però, che la tendenza a sviluppare smagliature durante la gravidanza è genetica, e anche i trattamenti più potenti non possono escluderne completamente la comparsa.
  • Gli ormoni della gravidanza possono portare a una dilatazione anche importante dei vasi sanguigni delle gambe, con conseguenti dolori: in questa fase può essere utile, per la futura mamma, indossare delle speciali calze contenitive a sostegno delle vene.

Cosa fare e cosa non fare durante la gravidanza

Da fare:

  • Massaggiare alcune parti del corpo come la schiena, le braccia, la parte inferiore delle gambe e i piedi. • Prendersi cura con cosmetici mirati della pelle del ventre, della parte superiore e inferiore delle gambe e della zona del seno.
  • Eseguire regolarmente dei massaggi delicati con oli o creme specifiche per prevenire la comparsa delle smagliature.
  • Sottoporsi a trattamenti ayurvedici, a trattamenti a base di germe di grano o di rose, a trattamenti idratanti o armonizzanti o alla talassoterapia, oltre ai classici trattamenti lenitivi.
  • Utilizzare estratti di equiseto, betulla o rosmarino, che hanno un effetto stimolante, rafforzano i tessuti connettivi e favoriscono la circolazione sanguigna; per alleviare irritazioni e prurito, invece, è ideale l’estratto di avena.
  • Tra i principi attivi consigliati nella cosmesi in gravidanza troviamo Aloe vera, bisabololo, germe di grano, fiori di prugnolo, rosa, mandorla, betulla, Jojoba, lavanda, citronella, pappa reale, cacao, burro di Karité, vitamina E e vitamina A (quest’ultima in quantità limitata e solo nel terzo trimestre).
  • Durante la doccia, usare prodotti che siano a pH neutro; per il bagno completo (a 37-38°C), invece, optare per prodotti che contengano sostanze nutrienti.
  • Usare lozioni detergenti delicate e prive di alcol.
  • Fare quotidianamente dei massaggi alle gambe e ai piedi, con movimenti che vadano dal basso verso l’alto e usando un prodotto da massaggio con attivi che favoriscano la circolazione sanguigna.
  • Applicare sempre una protezione solare minerale molto alta.
  • Fare sport, in particolare il nuoto.

Da non fare:

  • Eseguire massaggi troppo energici o sollecitare in modo eccessivo i tessuti connettivi.
  • Aromaterapia.
  • Utilizzare ingredienti come canfora, chiodi di garofano, zenzero e cannella, che possono stimolare le doglie.
  • Utilizzare fenolo, mentolo, acido salicilico o sali di mercurio durante i trattamenti (soprattutto quelli prolungati): sono tutti ingredienti potenzialmente nocivi per il feto.
  • Utilizzare arnica e camomilla, che possono irritare la pelle.
  • Eseguire trattamenti che utilizzano il calore o che prevedono stimolazioni fisiche particolarmente intense (come impacchi caldi o freddi).
  • Sottoporsi a lunghi bagni.
  • Fare peeling o utilizzare prodotti detergenti aggressivi.
  • Utilizzare prodotti che contengano alcol, coloranti, conservanti, paraffina, vitamina A, PEG e PEG-derivati, siliconi, Retinol, Retinoidi, nano-particelle, schermi di protezione solare chimici, prodotti candeggianti, polvere di talco, ftalati, olio di palma, sali di alluminio, Triclosan, formaldeide, Polyethylene Glycol, Botox e sostanze simil-botox.

 

Esempio di trattamento

Gli step:

  • Detersione (con olio detergente/latte detergente nutriente o Acqua di Hamamelis).
  • Peeling delicato (ad esempio enzimatico o a base di miele).
  • Trattamento con vapore (con l’aggiunta di estratti calmanti).
  • Applicazione di un prodotto in fiala con attivi idratanti.
  • Applicazione di una maschera a effetto nutriente e rivitalizzante.
  • Applicazione di un siero a effetto calmante.
  • Applicazione di una crema idratante con concentrato di acido ialuronico su viso, petto e ventre.
  • Applicazione di un prodotto in fiala a base di elastina su ventre e arti.
  • Applicazione di una crema giorno pigmentata, una BB Crème o una CC Crème con filtro solare sul viso per uniformarne l’incarnato.
  • Applicazione di uno spray idratante su viso e corpo.
  • Trucco coprente con pasta di azulene e correttore.
  • Pediluvio.
  • Applicazione di una lozione per le gambe e di un gel rinfrescante.

 

Christiane Laszig
Estetista e truccatrice, lavora per il cinema e la televisione e forma nuovi visagisti. Come autrice tratta temi legati a cosmesi, antiage e make up.

 

Questo articolo fa parte del Dossier
Bellezza in dolce attesa

A prova di pancione
Trattamenti e consigli di bellezza per future mamme

Effetti indesiderati
Come gestire i 4 disturbi più diffusi in gravidanza

Un problema in meno
Piccola guida all’epilazione in dolce attesa

Piedi più leggeri
Consigli per una pedicure efficace e rilassante

Una pausa di benessere
Rituali wellness in gravidanza:
quali accorgimenti osservare?

SOS Neomamma
In forma dopo il parto: i trend della medicina estetica

 

#BeautyForum, #BF_dossier, #principiattivi, #BF_nov17, #bellezzaindolceattesa, #gravidanza


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102