fbpx
BEAUTY FORUM

For Professional use only

Benefici e applicazioni del freddo in estetica

Trattamenti da brivido

  • Beauty Forum

I grandi benefici che il freddo veicolato apporta al nostro corpo sono da lungo tempo conosciuti in ambito medico e fisioterapico. Sotto i riflettori ci sono in particolare le sue proprietà antinfiammatorie, analgesiche e antidolorifiche. Basti pensare che, ad esempio, il ghiaccio è uno degli step fondamentali del cosiddetto P.O.L.I.C.E (Protection, Optimal Loading, Ice, Compression, Elevation), il protocollo di intervento in caso di trauma muscolare. Da qualche anno a questa parte l'utilizzo della cosiddetta crioterapia, letteralmente "terapia del freddo", sta prendendo piede sempre più anche in medicina estetica e nell'estetica tout court. Sono ormai noti i benefici che il freddo controllato e temporaneo ha sulla muscolatura, sulla circolazione sanguigna e linfatica e sulla pelle.

I benefici del freddo in estetica

La crioterapia viene consigliata in particolare per:

  • Tonificare e modellare i tessuti cutanei di viso e corpo.
  • Drenare la ritenzione idrica.
  • Ridurre l'adipe localizzato.
  • Rivitalizzare il contorno occhi.

Tecniche di crioterapia estetica

Esistono diverse tecniche di crioterapia in medicina estetica. La più conosciuta è certamente la criosauna. Amatissima dalle star di Hollywood, la criosauna è in realtà da lungo tempo utilizzata in ambito sportivo per favorire il recupero muscolare e per prevenire e curare i traumi. Si tratta di una cabina in cui viene vaporizzato azoto iquido, che permette di raggiungere temperature decisamente sotto lo zero. Questo tipo di trattamento dura pochissimi minuti, 2 o 3 al massimo.
Un'altra tecnica molto conosciuta è la criolipolisi, una procedura che necessita di un apposito macchinario in grado di produrre freddo controllato che porta al congelamento, e di conseguenza a una vera e propria necrosi, delle cellule adipose.
Anche nei centri estetici è possibile proporre trattamenti che sfruttano le virtù del freddo per raggiungere ottimi risultati, sia sul corpo che sul viso.
L'applicazione di creme, gel, fanghi o soluzioni a effetto altamente rinfrescante durante un trattamento corpo permette un graduale abbassamento della temperatura corporea in grado di mettere in atto importanti processi dal punto di vista circolatorio. Si tratta di prodotti che contengono, in percentuali diverse, sostanze funzionali a effetto criogenico come i cristalli di mentolo, l'olio essenziale di menta e l'olio essenziale di eucalipto.
Un'altra tecnica molto conosciuta e molto efficace è quella del bendaggio freddo. Questo trattamento permette di alleviare la sensazione di gonfiore e pesantezza degli arti inferiori, aiuta a contrastare la cellulite edematosa e tonifica i tessuti cutanei.
Fra le ultimissime novità in questo campo vi è inoltre il massaggio con appositi manipoli dotati di cartuccia refrigerante in grado di veicolare il freddo in modo puntuale e circoscritto, e con cui è possibile trattare sia il viso che il corpo seguendo protocolli specifici. Il passaggio del manipolo freddo sulle zone del corpo trattate mette in atto un processo di ginnastica vasale che permette di drenare i liquidi e le tossine in eccesso, oltre ad avere un effetto astringente sulle fibre di collagene ed elastina. Il risultato è una pelle immediatamente più tonica ed elastica.

Tonificazione dei tessuti cutanei e sottocutanei

Quando la pelle viene sottoposta a un freddo intenso, localizzato e controllato, si innesca un processo di vasocostrizione. L'interruzione della stimolazione del freddo produce poi l'effetto opposto: una repentina vasodilatazione che ossigena in modo importante i tessuti interessati. Il freddo ha anche un importante effetto astringente sulle fibre di collagene ed elastina, favorendo il completo turgore dei tessuti cutanei. L'impiego della crioterapia, proprio per queste sue proprietà, è consigliato nei protocolli corpo per trattare le zone maggiormente soggette a lassità, come interno coscia, interno braccia, glutei e addome. Ma è ottima anche per il trattamento dei cedimenti cutanei che interessano l'ovale del viso.

"La crioterapia è molto indicata per contrastare i ristagni di liquidi alla base di qualsiasi tipo di cellulite, ma anche in caso di gonfiore e senso di pesantezza agli arti inferiori."

Azione drenante del freddo

L'alternanza controllata di vasocostrizione e vasodilatazione promuove la ginnastica vasale che, oltre a favorire il drenaggio di liquidi e tossine, rinforza le pareti dei capillari e ha un importante effetto antiedemigeno.
La crioterapia è dunque molto indicata per contrastare i ristagni di liquidi alla base di qualsiasi tipo di cellulite, ma anche in caso di problematiche di gonfiore e senso di pesantezza agli arti inferiori.

Contrasto all'adiposità localizzata

Le cellule adipose sono molto sensibili al freddo, tanto che esistono trattamenti di criolipolisi che, come detto, portano gli adipociti a una vera e propria necrosi. Senza arrivare al congelamento, è possibile trattare l'adipe localizzato attraverso l'impiego di cosmetici specifici o manipoli freddi, sfruttando il naturale processo di termoregolazione corporea. Il freddo genera infatti un repentino abbassamento della temperatura del corpo, che reagisce per mantenere costante il suo calore mobilizzando l'energia dai depositi di grasso.

Non solo trattamenti corpo

Le applicazioni del freddo in estetica non si limitano ai trattamenti corpo, ma risultano molto efficaci anche contro gli inestetismi del viso. Il contorno occhi è uno dei punti in cui la pelle è più sottile e delicata, ma è anche una delle zone del viso in cui maggiori sono i benefici apportati da un trattamento con il freddo. Il passaggio di un apposito manipolo freddo sulla zona perioculare favorisce il drenaggio dei liquidi stagnanti inducendo lo sgonfiamento delle borse suboculari, e allo stesso tempo mette in atto la ginnastica vasale che migliora notevolmente l'alone scuro tipico dell'occhiaia. Ma l'azione del freddo non si ferma a questo. Grazie alle sue proprietà tonificanti sulle fibre del tessuto connettivo presente nel derma, permette anche di agire sulla ptosi palpebrale e sulle antiestetiche rughe del contorno occhi.

Quando il freddo è controindicato?

Il freddo, come abbiamo visto, permette di agire su moltissimi tipi di inestetismo che interessano sia la pelle del corpo che quella del viso. Esistono tuttavia alcune controindicazioni che obbligano l'operatore a prestare la dovuta attenzione. Non vanno sottoposte a trattamenti con il freddo le persone con importanti disturbi della pressione arteriosa, chi si sottopone a dialisi renale, chi soffre di malattie cardiache o della malattia d Raynaud, né le donne nei primi tre mesi di gravidanza. In ogni caso è bene sempre prestare attenzione ai segnali inviati dalla cliente durante il trattamento e controllare che sia sempre vigile, per evitare un eccessivo abbassamento della temperatura corporea.

 

Silvia Zacchigna
Tecnico estetico universitario, è docente di estetica e massaggio dal 2007 e consulente per Hely's Cosmetica.

Emanuela Rey
Titolare e Responsabile Coordinamento Corsi di MWA - Massage & Wellness Academy.
www.mwascuolamassaggio.it

 

 

#BF_beauty&care, #BeautyForum, #corpo, #trattamento, #BF_lug_ago19


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102