fbpx

For Professional use only

Clienti senior: come trattare e a cosa fare attenzione in sede manicure e pedicure

Una questione d'età

  • Nailpro

 

→ Questo articolo fa parte del Focus
Clienti "diversi"

 

AL GIORNO D'OGGI NON È RARO VEDERE NONNE (E BISNONNE!) CON LE UNGHIE DI MANI E PIEDI PERFETTAMENTE CURATE E COLORATE. Per queste potenziali clienti, tuttavia, l'esigenza di rivolgersi a un centro nail non è dettata esclusivamente dalla vanità: spesso, le loro unghie e la loro pelle presentano svariate problematiche legate all'età, che sono per loro difficili da risolvere in autonomia. Ecco allora che l'operatrice, adeguatamente formata, può fornire un supporto davvero prezioso al benessere delle loro estremità - aggiungendo, perché no, anche un tocco di glamour.

 

"Il problema delle unghie che si sfaldano peggiora nella terza età a causa della progressiva carenza di cheratina e oligoelementi, indispensabili per unghie sane e forti."
Graziella Manfrin Master Pro KyLua

Unghie "mature"

Come ogni altra parte del corpo, anche le unghie subiscono dei cambiamenti fisiologici con il passare degli anni. "In età avanzata l'unghia si ispessisce, lo strato corneo diventa più duro, aumenta la presenza di striature verticali e, spesso, la lamina ungueale tende a essere più disidratata" ci spiega Tiziana Bellini, Master Educator e fondatrice del brand che porta il suo nome. "Le unghie delle clienti anziane si presentano in genere molto dure e spesso dentellate" concorda Antonella Castrovilli, Master Trainer e cofondatrice di ONYX Academy. Benché ispessita e indurita, tuttavia, la lamina ungueale di queste clienti è spesso fragilissima e ha una forte tendenza a sfaldarsi a partire dal margine libero, motivo per cui, continua Antonella, "è sempre opportuno trattare queste unghie con lime a bassa abrasività".
"Il problema delle unghie che si sfaldano compare già intorno ai 40 anni" spiega Graziella Manfrin, Master Pro KyLua, "ma peggiora fortemente nella terza età a causa della diminuita produzione di cheratina e alla carenza di alcuni oligoelementi". La fragilità delle unghie e la tendenza degli strati superficiali a "sfogliarsi" non sono disturbi necessariamente legati all'età avanzata, ma possono essere dovuti anche a patologie, a traumi, al contatto con agenti chimici. "L'operatrice nail preparata è in grado di riconoscere se la fragilità di un'unghia sia una naturale conseguenza dell'invecchiamento o possa rappresentare il sintomo di qualcos'altro" dice Graziella; "nel secondo caso, la cliente va indirizzata del medico, e il servizio nail eseguito solo dopo il benestare di quest'ultimo".
Alla fragilità ungueale si accompagna spesso anche una forte secchezza, a cui l'operatrice può e deve porre rimedio "apportando idratazione con l'applicazione di oli e creme per cuticole che non solo nutrono la pelle, ma migliorano lo stato di salute dell'unghia e prevengono la formazione di macchie sulla lamina" spiega Brunella Russo, Ladybird house Nail Trainer; un'unghia secca, infatti, "è spesso porosa, condizione che favorisce il depositarsi di agenti esterni che, ossidandosi, provocano l'ingiallimento della superficie e la comparsa di macchioline" precisa Brunella.
La sfida, per l'onicotecnica, è riuscire a conciliare le criticità tipiche delle unghie "mature" con il tipo di servizio richiesto dalla cliente. Anche una donna non più giovane, infatti, vuole avere unghie belle oltre che sane, e non sono poche le clienti senior che richiedono laccature di tendenza, ricoperture e ricostruzioni. "Lo smalto semipermanente piace molto alle mie clienti più in là con gli anni" confida Antonella Castrovilli, "soprattutto perché nasconde bene le scanalature nelle unghie e le rende lisce e omogenee". Anche la ricostruzione unghie è un servizio molto richiesto, e può rivelarsi provvidenziale a fini correttivi quando si è " in presenza di traumi mai trattati o trascurati, molto diffusi tra la clientela in età avanzata", come spiega Brunella Russo; in questi casi "è possibile intervenire per correggere il difetto con un servizio in acrilico, consigliato per l'effetto maggiormente naturale che produce e per la maggior portabilità rispetto al gel".
"In caso di ricostruzione unghie, il mio primo consiglio è quello di preferire primer acid-free, in quanto il primer acido rischia di aumentare la disidratazione di un'unghia che spesso è già molto secca" avverte Tiziana Bellini. Un'altra sfida legata alla ricostruzione in età avanzata è quella delle artropatie, problemi alle articolazioni che spesso interessano anche le mani e le dita. "Queste patologie non compromettono la tenuta del prodotto, ma complicano la realizzazione di unghie perfettamente dritte" rivela Tiziana. Il suo consiglio? "Dare un'ultima occhiata frontale prima del colore e favorire forme arrotondate e morbide rispetto a quelle squadrate o a punta, che evidenzierebbero le deformazioni date dalla patologia".

 

"La presenza di traumi mai trattati o trascurati è molto diffusa nella clientela in età avanzata. In molti casi è possibile intervenire per correggere il difetto con un servizio in acrilico, più naturale e portabile del gel."
Brunella Russo Ladybird house Nail Trainer

Pelle vulnerabile

Quando si esegue un servizio nail su una cliente anziana va adoperata la massima cautela non solo nel lavoro sulle unghie, ma anche nei riguardi della pelle. "Queste clienti vanno trattate con i guanti di seta" commenta Antonella Castrovilli; "hanno la pelle molto sottile, di conseguenza delicata. Con loro, solo manicure soft!" avverte.
Con l'invecchiamento, infatti, la pelle perde elasticità e si assottiglia, diventando più vulnerabile a piccoli traumi e microferite; meglio quindi limitare al massimo l'impiego di strumenti affilati e calibrare attentamente la pressione quando, ad esempio, si spingono indietro le cuticole. Ricorda che l'organismo di una persona in età avanzata impiega molto più tempo a guarire da un'infezione rispetto a quello di una persona giovane: sii sempre prudente e delicata, anche e soprattutto quando esegui procedure che conosci molto bene e dove è quindi più facile che "ti scappi la mano".
Un altro disturbo tipico della pelle matura, e che colpisce in modo preponderante proprio le mani, è quello delle macchie senili. "La comparsa di macchie iperpigmentate, dovute all'età e agli effetti del sole, è molto diffusa tra le clienti in età avanzata" rileva Brunella Russo. "Da questo punto di vista, la cosa migliore è sempre prevenire, utilizzando tutto l'anno creme con filtri solari" spiega, "ma una buona abitudine è anche usare prodotti come balsami o sieri per le mani che rallentano il processo di invecchiamento cutaneo, proteggono dai danni ambientali e donano luminosità alla pelle".

 

"Lo smalto semipermanente è sempre gradito dalle clienti senior, perché nasconde bene le scanalature nelle unghie e le rende lisce e omogenee."
Antonella Castrovilli Master Trainer e cofondatrice di ONYX Academy

Passione pedicure

Uno dei servizi più richiesti dalla clientela senior - e che interessa in egual misura donne e uomini - è la pedicure. Per una persona anziana, magari alle prese con mal di schiena e problemi alla vista, non è sempre semplice prendersi cura dei propri piedi nel modo corretto. Eppure, è proprio in età avanzata che le estremità hanno bisogno di maggiori attenzioni: disturbi già presenti, come l'alluce valgo, invecchiando peggiorano rapidamente, con ripercussioni sul benessere di tutto il piede; il taglio delle unghie diventa, per cause di forza maggiore, veloce e approssimativo, portando alla formazione di dolorose unghie incarnite; il rallentamento della circolazione sanguigna può causare problemi vascolari che interessano spesso anche le gambe; i cambiamenti nella morfologia del piede rendono più difficile trovare scarpe adatte e confortevoli, moltiplicando i piccoli traumi alle unghie causati dallo sbattere del piede contro la punta della calzatura, che possono portare all'onicolisi o al distacco completo della lamina. "Quando si lavora sui piedi di clienti anziani, è sempre bene fare molta attenzione alle micosi, che colpiscono con più facilità chi ha le difese immunitarie deboli" ricorda poi Tiziana Bellini; il rispetto degli standard igienico-sanitari, quando si ha a che fare con questa clientela, è più importante che mai. Per quanto riguarda il servizio di pedicure vero e proprio, è opportuno focalizzarsi in primo luogo sul corretto taglio delle unghie e sull'eventuale riduzione di ispessimenti della lamina dovuti, ad esempio, a onicogrifosi. Calli e duroni, che spesso rendono difficoltosa la deambulazione nelle persone anziane, vanno trattati con delicatezza, cercando di ridurre al minimo lo sfregamento meccanico e preferendo piuttosto impacchi di prodotti appositi per il trattamento delle ipercheratosi.
Pedicure regolari possono rappresentare un sollievo importante per una persona in età avanzata, sia dal punto di vista fisico che da quello psicologico: la seduta diventa un momento piacevole in cui farsi "coccolare". Perché questo avvenga, può essere talvolta necessario fare qualche aggiustamento alla postazione di lavoro in modo da renderla più confortevole: dolori alla schiena e alle anche, scarsa mobilità, difficoltà a sollevare le gambe potrebbero impedire al cliente di godersi la sua pedicure; prima di cominciare con il servizio, è bene assicurarsi che la persona sia comoda e a proprio agio. Rendi poi la pedicure una vera e propria pausa di relax concludendo la seduta con un gradevole e rilassante massaggio: aiutati con una crema dalla texture ricca o con un olio profumato, e ricorda di non esercitare mai troppa pressione, limitando i movimenti ad accarezzamenti decisi ma delicati.
Un ultimo accorgimento in fatto pedicure senior riguarda i clienti affetti da diabete, patologia che in molti casi rende i piedi quasi completamente insensibili agli stimoli, impedendo alla persona di avvertire il caldo, il freddo, il dolore che proverebbe calpestando un oggetto appuntito e così via. Fai compilare attentamente la scheda cliente a ogni persona anziana (e non!) che entra per la prima volta nel tuo centro e, in presenza di questa patologia, ricorda di controllare più volte, ad esempio, che l'acqua del pediluvio non sia troppo calda.

 

"Con la clientela anziana è sempre bene fare molta attenzione alle micosi, che colpiscono con più facilità chi ha le difese immuntarie deboli."
- Tiziana Bellini Master Educator e fondatrice del brand Tiziana Bellini

 

L'importanza della scheda cliente

Predisporre schede cliente dettagliate è fondamentale quando si eseguono servizi su clienti in età avanzata. Chiedi loro di indicare le patologie di cui soffrono, anche quelle che apparentemente non hanno un legame diretto con unghie, mani o piedi; eventualmente, consulta un parente per avere delucidazioni e approfondimenti, e tieniti sempre in contatto con un medico per fugare ogni possibile dubbio.

 

Valeria Federighi


Questo articolo fa parte del Focus
Clienti "diversi"

Gli altri articoli del Focus:

Teenager in salone
Strategie e accorgimenti per attirare e
gestire le clienti adolescenti in salone.

Una questione d'età
Le clienti "senior": un gruppo interessante che,
però, necessita di attenzioni e cure particolari.

Benvenuti uomini
Trucchi e strategie per attirare in salone la
clientela maschile e conquistarne la fiducia.

 

#Nailpro, #NP_focus, #NP_sett_ott_19, #clientidiversi


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102