fbpx

For Professional use only

Dip? No Problem!

  • Nailpro

 

→ Questo articolo fa parte del Focus
Ricostruzione

 

LE RICOSTRUZIONI RESISTENTI E DURATURE CHE SI OTTENGONO CON IL SISTEMA ACRILICO A IMMERSIONE - MEGLIO NOTO COME DIP SYSTEM - SONO LA SOLUZIONE PERFETTA PER LE CLIENTI SEMPRE DI CORSA. Cosa succede, però, se durante la lavorazione qualcosa non va per il verso giusto?A perdere tempo prezioso siete sia tu che la cliente, con comprensibile disappunto di quest'ultima. Il dip system promette risultati favolosi, ma basta un passo falso per mandare all'aria l'intera ricostruzione. Marilyn Garcia, Global Director of Education e Brand Ambassador per Cuccio America, ci svela le soluzioni ai tre problemi più comuni che chi lavora con l'acrilico a immersione si trova puntualmente a dover fronteggiare: il sollevamento del prodotto, la formazione di crepe e l'espansione incontrollata del colore.

ATTENZIONE!
Prodotti e step possono variare da brand a brand. Per una corretta applicazione, segui sempre le indicazioni fornite dal produttore

Il problema: Sollevamento

Il prodotto si solleva quando la polvere non aderisce perfettamente alla lamina ungueale. Proprio come per gli altri metodi di ricostruzione, anche per il dip la causa va ricercata in una preparazione non accurata dell'unghia naturale: per un'adesione impeccabile, infatti, la lamina deve essere completamente priva di sporcizia o umidità.

LA SOLUZIONE:  Se noti che il problema del sollevamento si presenta con diverse clienti, prova a ripensare alla fase di preparazione del servizio e a dedicarvi qualche minuto in più. Rimuovi le cuticole con un prodotto di buona qualità e opacizza delicatamente la superficie ungueale con un buffer grit 180: l’unghia avrà così la texture giusta perché il prodotto vi aderisca al meglio. Terminata la fase di pulizia, deidrata l’unghia con un primer prima di stendere la base prevista dal sistema che stai usando.

Il problema: le crepe

Una stesura non uniforme della resina tra i diversi strati di polvere acrilica può portare alle formazione di fastidiose crepe verticali. L’inclinazione del pennello gioca un ruolo cruciale: se durante l'applicazione lo si tiene troppo verticale, in posizione perpendicolare all'unghia, il prodotto sarà steso in modo non uniforme e formerà bozzi e "collinette" che porteranno quasi sicuramente il colore a creparsi. Allo stesso modo, anche immergere il dito nella polvere con un'angolazione di 90 gradi può rendere la superficie poco omogenea.

LA SOLUZIONE:  Per un’applicazione uniforme, tieni il pennello parallelo all’unghia e muoviti dalle cuticole verso il bordo libero con pennellate lunghe e fluide. Quando poi fai immergere l’unghia della cliente nella polvere acrilica, mantienile il dito a un angolo di 45 gradi rispetto al barattolo: la superficie risulterà così liscia e uniforme.

Il problema: Espansione del colore

Mantenere il colore entro i confini dell'unghia non è semplice, anche se si lavora con strati molto sottili. La polvere acrilica, infatti, assorbe velocemente il prodotto e, in caso di applicazione scorretta, può facilmente espandersi sui laterali e sull’area delle cuticole.

LA SOLUZIONE:  Applica la resina solo su tre quarti di unghia, lasciando libera una fascia in zona cuticola. Immergi il dito nella polvere acrilica - ricordando di mantenere un angolo di 45 gradi - e, dopo averlo estratto, picchietta per eliminare l'eccesso. Applica quindi un secondo strato di resina, lasciando libera questa volta una fascia leggermente più sottile; poi, immergi di nuovo il dito nella polvere. Il trucco è avvicinarsi gradualmente alla base dell'unghia - facendo anche tre immersioni, se necessario - così da evitare di sommergere di colore l'area cuticolare e i laterali.

A prova di glitter

I glitter sono un materiale complicato con cui lavorare, indipendentemente dal metodo utilizzato - e il dip system non fa certo eccezione. Rispetto a quella monocromatica, la polvere acrilica glitterata è più ruvida e contiene granuli più grandi, motivo per cui tende a creare strati più spessi. Dopo due immersioni nella polvere glitterata, applica un terzo strato di resina e immergi il dito della cliente nella polvere acrilica trasparente, così da ricoprire l’intera unghia e incastonare le particelle luccicanti senza creare volume o far scivolare il prodotto su cuticole e laterali. Ricorda: un primo strato di glitter, un secondo strato di glitter, un terzo strato di polvere clear!

 

Angelina Lewis

 

Questo articolo fa parte del Focus
Ricostruzione

Veloce, resistente, naturale
I prodotti e le tecniche all'avanguardia, studiate per
rispondere alle mutate esigenze di operatrici e clienti.

Le regole dell'adesione
I preparatori e i promotori d'adesione sono i primi formidabili alleati
quando si deve realizzare una ricostruzione unghie. Come funzionano?

 

#Nailpro, #NP_focus, #acrillico, #NP_mar_apr_19, #tecnichedasalone, #ricostruzione, #ricostruzioneunghie, #sistemadip


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102