fbpx

For Professional use only

Specialista dei piedi

Specialista dei piedi

  • Nailpro

 

Questo articolo fa parte del Focus
Happy Feet

 

GLI ESPERTI DEL SETTORE LO SOSTENGONO ORMAI DA TEMPO: SPECIALIZZARSI È LA VIA CHE PORTA AL SUCCESSO. Quando si tratta di pedicure, questo discorso è più valido che mai: la cura dei piedi offre diverse opportunità per creare servizi rivolti a target specifici. Una pedicure capace di andare oltre lo standard può rivelarsi un servizio molto remunerativo, si presta molto bene alla fidelizzazione della clientela e anche alla rivendita di prodotti domiciliari. Tutti buoni motivi per provare a trasformare un servizio classico in qualcosa di unico.

 

"La necessità di sottoporsi a pedicure regolari in età avanzata dipende da varie ragioni: l'ispessimento delle unghie, traumi ricevuti nel corso della vita, patologie varie."
- Claudio Capparuccia, ONS Advanced Educator e fondatore di Nailsworld

 

SENIOR PEDICURE

"Sempre più donne e uomini in là con l'età decidono di affidarsi a noi operatrici per trattare i loro piedi" nota Consuelo Vergari, nail technician OPI. Le persone anziane, spesso alle prese con dolori articolari e problemi di vista, sono spesso impossibilitate a prendersi cura dei propri piedi in autonomia, e questo accade proprio in una fase della vita nella quale le estremità sono particolarmente vulnerabili e bisognose di attenzioni. "La necessità di sottoporsi a pedicure regolari in età avanzata dipende da varie ragioni: l'ispessimento delle unghie, traumi ricevuti nel corso della vita, patologie varie" commenta Claudio Capparuccia, ONS Advanced Educator e fondatore di Nailsworld. A volte anche il semplice taglio delle unghie è un'attività problematica per un anziano: "purtroppo l'inesperienza può portare a tagliare male gli angoli degli alluci rischiando che l'unghia si incarnisca, con conseguente sviluppo di infezioni" continua Claudio. Per pudore o perché non ci pensano, tuttavia, le persone anziane difficilmente si recano in un centro professionale finché non è un parente a portarle perché lamentano dolore; in quei casi, spesso i problemi sono già piuttosto avanzati. "È essenziale in questi casi capire se e come intervenire: mi è capitato negli anni di vedere piedi devastati, con unghie incarnite e veri e propri traumi gestibili solo da un medico" spiega Consuelo Vergari; "la prima raccomandazione è quella di saperci dare un limite: ricordiamoci che non siamo dei medici e, se ci rendiamo conto di non poter intervenire su una problematica, mandiamo subito il cliente da un podologo". Le fa eco Graziella Manfrin, Master PRO KyLua, specificando che "il servizio pedicure effettuato su clienti anziani da una tecnica delle unghie deve essere solo quello di tipo estetico, su cute sana, finalizzato a mantenere i piedi in buono stato intervenendo sulle problematiche più ricorrenti a carico delle unghie e del derma".
Chi desideri specializzarsi in questo campo, inserendo la "senior pedicure" nel proprio menù dei trattamenti, devi essere consapevole di dover lavorare con estrema delicatezza. "La pedicure nelle persone più anziane deve essere effettuata con un'attenzione maggiore, perché si tratta di soggetti che presentano maggiori complessità come ipercheratosi tenaci e deformazioni delle dita" spiega Alessandra Appio, Nail Trainer Ladybird house. Molto importante è conoscere la storia clinica del cliente: spesso in età avanzata si può soffrire di diabete, patologia che rende l'organismo più vulnerabile in caso di piccole ferite e ne rallenta la cicatrizzazione. Per questo è fondamentale, prima di iniziare il servizio, condurre un colloquio approfondito con il cliente che si ha di fronte. Anche il comfort durante la seduta è un aspetto da tenere in considerazione: un cliente in là con gli anni può avere difficoltà nei movimenti e soffrire di dolori legati all'età. "Bisogna avere cura di far sedere il cliente anziano su una seduta adatta e comoda" spiega Graziella Manfrin, "come ad esempio una poltrona podologica".
Come impostare gli step di una pedicure specifica per la terza età? "Le unghie degli anziani sono sovente molto spesse e bisogna quindi fare attenzione nel tagliarle" rileva Consuelo Vergari; "inoltre, ragadi, screpolature e pelle sottile sono all'ordine del giorno: un pediluvio con sostanze lenitive, un leggerissimo scrub e una maschera idratante possono diventare un vero toccasana" consiglia. Secondo Alessandra Appio, occorre "concentrarsi più sul benessere che sull'estetica, aggiungendo ad esempio dei sali emollienti al pediluvio per donare ristoro ai piedi". Molto importante è educare la clientela senior a fissare appuntamenti regolari in istituto, evitando che gli inestetismi abbiano il tempo di riformarsi e acutizzarsi. "Trattamenti pedicure programmati possono rappresentare un sollievo importante per una persona in età avanzata, sia dal punto di vista fisico che psicologico" commenta Graziella Manfrin; "ecco perché ogni pedicure dovrebbe terminare con un rilassante e delicatissimo massaggio".

 

"Con i clienti anziani occorre concentrarsi più sul benessere che sull'estetica, aggiungendo ad esempio dei sali emollienti al pediulvio per donare ristoro ai piedi."
- Alessandra Appio, Nail Trainer Ladybird house

 

PEDICURE MASCHILE

Un gruppo target da non trascurare, quando si tratta di piedi, è quello composto dalla clientela maschile. Fra i trattamenti offerti da un centro estetico o nail, la pedicure è sicuramente quello che più di altri può attirare un uomo: la cura dei piedi non è infatti una questione puramente estetica, ma prima di tutto un gesto di benessere.
Diversamente da quanto si possa pensare, i piedi di un uomo non sono necessariamente in condizioni peggiori rispetto a quelli di una donna. Anzi, "spesso nelle donne occorre lavorare di più per ridurre gli ispessimenti sulla pianta del piede causati dall'indossare le scarpe col tacco" rileva Claudio Capparuccia. "La pelle dei piedi può essere secca sia negli uomini che nelle donne" continua Claudio, ma, come sottolinea Alessandra Appio, "negli uomini è generalmente più spessa e può beneficiare molto di un'esfoliazione accurata con uno scrub". Altre problematiche diffuse sono il taglio non corretto delle unghie, e "la presenza di alluci traumatizzati, soprattutto in chi pratica sport in cui i piedi vengono messi sotto stress" spiega Consuelo Vergari. Ad eccezione dunque del trattamento di inestetismi specifici, che dipendono più dalle caratteristiche individuali che dal sesso, si può dire che la procedura di pedicure non sia poi molto diversa tra clienti donne e clienti uomini. Secondo Graziella Manfrin, di fatto, "la pedicure al maschile non si discosta molto da quella al femminile: pediluvio, cura delle cuticole, taglio e limatura delle unghie e trattamenti specifici (idratante, emolliente, rivitalizzante...), seguiti da un bel massaggio finale rilassante" che, come evidenzia Alessandra Appio, "oltre a essere molto gradito aiuta anche a sciogliere le tensioni". Anche per Consuelo Vergari, "sia per la pedicure maschile che per quella femminile, tolto l'aspetto estetico, lo scopo è legato prettamente al benessere psicofisico". Come differenziare allora il servizio, rendendolo appetibile per una clientela maschile?
A volte basta davvero poco per caratterizzare un trattamento. Il nome, ad esempio: "Pedicure Sport" suona immediatamente interessante a un orecchio maschile. Nella descrizione del servizio si può porre l'accento sulla cura degli inestetismi tipici degli sportivi (ne parliamo in "A Prova di Sport", ndr) e, magari, sui benefici del massaggio plantare. Un altro accorgimento da osservare nell'elaborare una procedura di pedicure maschile è quello di utilizzare prodotti il più possibile neutri: bando a profumazioni troppo dolci o troppo forti e a texture eccessivamente untuose, via libera a spray ed emulsioni leggere e senza profumo. Diventare il centro di riferimento per la pedicure maschile nella tua zona è facile: perché non provarci?

 

"Una problematica particolarmente diffusa tra i clienti uomini è la presenza di alluci traumatizzati, soprattutto in chi pratica sport in cui i piedi vengono messi sotto stress."
- Consuelo Vergari, Nail Technician OPI

 

UN TOCCO DI SPA

"I trattamenti SPA per i piedi sono diventati veri e propri must have in ogni salone che si rispetti" osserva Consuelo Vergari, ed è facile capire il perché: coccolare i piedi genera una sensazione di benessere che si diffonde in tutto il corpo e fa bene anche allo spirito. Non è un caso che "quasi tutti i brand abbiano ormai una linea SPA con prodotti da usare in accordo ai vari step del protocollo: sali per aromaterapia, scrub, creme da massaggio e vi dicendo" spiega Alessandra Appio. "La pedicure SPA è un trattamento di bellezza e benessere per i piedi che si spinge fino al polpaccio e sotto il ginocchio, dove andiamo a trattare gli inestetismi con prodotti specifici, dall'emolliente disinfettante per il pediluvio al cheratolitico per rimuovere le callosità, fino alla scrub alle erbe che toglie tutte le cellule morte e permette alla successiva maschera di penetrare e idratare in profondità" spiega Claudio Capparuccia. Grande importanza, in questo trattamento, è rivestita dallo step iniziale e da quello finale: il pediluvio e il massaggio, due momenti curativi ma soprattutto gradevolmente rilassanti. "Ricordiamoci che SPA significa 'Salus Per Aquam': il pediluvio è fondamentale, che sia eseguito in una poltrona di ultima generazione con vasca incorporata o semplicemente in una vaschetta". Per Graziella Manfrin, inoltre, "l'acqua tiepida del pediluvio può essere arricchita con oli essenziali tonificanti e/o sali specifici", da stabilire di volta in volta in base alle necessità del piede e ai desideri del cliente. Altrettanto importante è la fase del massaggio, vero e proprio coronamento della procedura relax. "Il giusto prodotto da massaggio ci permette di coccolare tutta la zona ripristinando la circolazione sanguigna e facendo defluire la linfa verso le parti alte", spiega Claudio Capparuccia; "fluidi specifici che donano freschezza e vigore, poi, fanno sì che a trattamento concluso venga voglia di ballare per la leggerezza che finalmente si avverte nei piedi" assicura.
La SPA pedicure si presta molto bene a essere personalizzata. "D'estate, ad esempio, il mare tende a seccare maggiormente il piede, per questo puntare su continui scrub e su un'idratazione profonda è fondamentale, ma si può riscontrare, al contrario, il problema di una sudorazione eccessiva, per la quale è indicato non appesantire il piede con prodotti troppo corposi o oleosi" esemplifica Consuelo Vergari. Anche la scelta di prodotti e profumazioni può essere personalizzata in base ai desideri del cliente, facendolo sentire ancora più speciale. "Variare il servizio a seconda della tipologia di pelle e problematica non è mai stato così importante, così come è importante avere a disposizione diverse texture ed aromi, in modo da andare incontro alle preferenze di chi si sottopone alla pedicure" ribadisce Consuelo.

 

"Una volta spiegato che prendersi cura con costanza dei piedi li mantiene sani e belli nel tempo, diventa semplice consigliare l'acquisto di prodotti specifici."
- Graziella Manfrin, Master Pro KyLua

 

RIVENDITA SPECIFICA

Una pedicure specialistica non può essere definita tale se non include un'attenta consulenza volta alla rivendita di prodotti domiciliari. "Una volta spiegato che prendersi cura con costanza dei piedi li mantiene sani e belli nel tempo, diventa semplice consigliare l'acquisto di prodotti specifici" commenta Graziella Manfrin. È importante insistere sul tema della prevenzione, spiegando al cliente che l'autocura è essenziale per ottenere e mantenere buoni risultati.
Ovviamente ogni suggerimento di vendita deve partire dalle esigenze specifiche del cliente che si ha di fronte. "Nel caso di persone anziane è spesso inutile consigliare tanti prodotti domiciliari, perché non tutte hanno la voglia o la possibilità di prendersi cura di loro stesse" spiega Consuelo Vergari, consigliando di proporre loro una semplice crema idratante e di insistere, piuttosto, sulla necessità di prenotare fin da subito l'appuntamento successivo. "Al cliente uomo consiglierei una crema adatta a una pelle più spessa, a chi soffre invece di ipersudorazione un prodotto specifico per questo problema; per quei clienti che amano prendersi cura dei propri piedi, una buona idea è creare dei veri e propri cofanetti con le mini taglie dei prodotti utilizzati in salone, in modo che possano replicare le piacevoli sensazioni della pedicure anche a casa" aggiunge. Secondo Alessandra Appio, infine, il consiglio di vendita andrebbe calibrato anche in base alla stagione, "consigliando in inverno prodotti più concentrati per trattare la pelle screpolata sui talloni e non solo, in estate creme meno pesanti per mantenere la pelle idratata e nutrita su tutta la gamba".

 

Valeria Federighi

 

Questo articolo fa parte del Focus
Happy Feet

Gli altri articoli del Focus:

A prova di sport
Una pedicure mirata per dare
sollievo ai piedi dei clienti sportivi

Passi felpati
Rimetti in sesto i piedi delle tue clienti
scegliendo tra i tanti esfolianti disponibili

5 regole per piedi sani
L'esperienza di decenni nella cura dei piedi condensata
in 5 fondamentali pilastri per il loro benessere

 

#Nailpro, #NP_focus, #consiglideitecnici, #NP_mag_giu_20, #happyfeet


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102