fbpx

home

I consigli di Alessandra Marchesi, Lorena Dimonte, Melania Alessandrello e Michela Molinari

Inverno in salone - I consigli dei tecnici

  • Nailpro

 

→ Questo articolo fa parte del Focus
Inverno in salone

 

Come ogni stagione dell’anno, anche l’inverno ha i suoi vantaggi e i suoi svantaggi: il clima freddo e rigido, è vero, mette a dura prova il benessere di pelle e unghie, ma questo si traduce in più lavoro per te… a patto che tu sia in grado di offrire alle clienti infreddolite trattamenti mirati, efficaci e gradevoli. I consigli delle nostre tecniche si concentrano in questo numero proprio sugli inestetismi legati all’abbassamento delle temperature e alle diverse opzioni che abbiamo in istituto per porvi rimedio, sia in termini di prodotti specifici che di trattamenti anti-freddo.
L’altra grande opportunità che onicotecniche e centri nail devono saper cogliere in questo periodo dell’anno è ovviamente legata alla nailart, che con l’approssimarsi delle festività sale inevitabilmente in cima alle richieste delle clienti, anche di quelle che abitualmente vestono unghie nude. Fondamentale è dunque non solo disporre dei colori del momento, ma anche conoscere i trend in fatto di decori, evitando di proporre “le solite cose” e sorprendendo le clienti con nail design unici, da immortalare all’istante sui loro profili Instagram - con tanta buona pubblicità gratuita per te.
L’ultimo punto sul quale ci concentriamo è la delicata gestione del dopo-festività: molte professioniste sono ormai rassegnate a vedere l’agenda semivuota nel mese di gennaio ma, si sa, chi semina raccoglie: approcciarsi in modo strategico alle clienti occasionali che popolano il tuo centro sotto Natale potrebbe farne tornare una buona percentuale anche nell’anno nuovo. Vale la pena provare, non credi? Leggi i consigli di Alessandra Marchesi, Lorena Dimonte, Melania Alessandrello e Michela Molinari e preparati per un inverno straordinario.

 

1. Quali sono i principali problemi che mani, piedi e unghie si trovano a dover fronteggiare durante la stagione fredda?

(ALESSANDRA MARCHESI)
Con i primi freddi riappare il problema principe dell’inverno: la secchezza. Complice il vento e l’esposizione a frequenti sbalzi di temperatura, la pelle è più incline ad arrossamenti e desquamazioni. La vasocostrizione dovuta al freddo provoca anche una riduzione del flusso sanguigno, “regalandoci” piedi più freddi e bisognosi di nutrimento. Anche le unghie risentono del clima invernale: per questo durante i mesi freddi è ancora più necessario fare uso di prodotti idratanti per mani e unghie.

(LORENA DIMONTE)
A causa dei cambiamenti climatici degli ultimi anni, mani e piedi passano repentinamente da un caldo intenso a un freddo pungente. Trattandosi di zone periferiche del nostro corpo, con una circolazione sanguigna più lenta, la loro pelle è particolarmente delicata e sensibile agli sbalzi di temperatura: ecco perché disidratazione e arrossamenti sono all’ordine del giorno durante la stagione invernale. Per quanto riguarda le unghie, quelle delle mani sono soggette maggiormente alle aggressioni chimiche dei lavori quotidiani, mentre le unghie dei piedi, costrette all’interno di scarpe chiuse, tendono a incarnirsi e ispessirsi.

(MELANIA ALESSANDRELLO)
Arrossamenti, screpolature, secchezza: con l’arrivo dell’inverno, mani, piedi e unghie risentono del clima rigido e degli sbalzi di temperatura. In questo periodo dell’anno molte donne soffrono di ipersensibilità al contatto con tutto ciò che è freddo: le mani diventano dapprima bianche e intorpidite (per ischemia), quindi bluastre (per cianosi) e infine rosse (per eritema). Si tratta del “fenomeno di Raynaud”, che compare al contatto con il freddo e regredisce, fino alla scomparsa, con l’arrivo del caldo. Oltre al fenomeno di Raynaud, il freddo può portare anche a orticarie, lesioni, geloni, manifestazioni spesso aggravate dalla comparsa di piaghe e bollicine.

(MICHELA MOLINARI)
Durante la stagione fredda, disidratazione e secchezza sono i rischi maggiori a cui vanno incontro la pelle e le unghie. È molto importante, quindi, dedicare particolare attenzione all’idratazione, ricorrendo a prodotti specifici. È fondamentale applicare quotidianamente una lozione idratante sulle mani, e curare regolarmente anche la pelle dei piedi. Il clima secco e rigido condiziona anche il benessere di unghie e cuticole che, analogamente alla pelle, se non adeguatamente idratate possono seccarsi e perdere elasticità.

 

2. Su quali trattamenti puntare per regalare alle clienti un'efficace coccola anti-freddo?

(ALESSANDRA MARCHESI)
La prima strategia anti-freddo per le mani è l’applicazione giornaliera di una buona crema protettiva che contenga un’alta percentuale di attivi naturali e oli nobili, sia priva di paraffine e oli minerali. Tra le sostanze più interessanti per chi trascorre l’inverno in città c’è la Moringa, famosa per le sue proprietà anti-inquinamento: la troviamo nella Faby Hand Cream. Importante anche l’uso quotidiano dell’olio per cuticole, le cui “regole” sono le stesse: ingredienti naturali ed efficaci, texture leggera, facilità di assorbimento. L’inverno è ideale anche per coccolare mani e piedi con una maschera nutriente, come la Faby Luxury Mask: abbinata a guanti o stivaletti riscaldati regala un momento di relax e favorisce la penetrazione dei principi attivi.

(LORENA DIMONTE)
Due le parole d’ordine: esfoliazione e idratazione. Mani e piedi devono essere coccolati con trattamenti SPA, iniziando con uno scrub per eliminare le cellule morte e i residui di abbronzatura che possono provocare desquamazione e disidratazione. Vanno poi applicate creme molto nutrienti, da stendere con un massaggio prolungato che accarezzi, rilassi e riattivi la circolazione. Perfette sono anche le maschere, come quelle delle linee Hand Care e Foot Care MollonPRO: guanti e calzini che contengono sieri concentrati, veri e propri trattamenti di bellezza. Per le unghie, invece, sono necessari oli per cuticole rigeneranti, con complessi vitaminici e ristrutturanti.

(MELANIA ALESSANDRELLO)
Innanzitutto vanno usate creme specifiche per prevenire le screpolature della pelle delle mani e dei piedi. Straordinari alleati anti-freddo sono poi i massaggi, che aiutano a riattivare i micromuscoli e stimolano la circolazione sanguigna, impedendo che le estremità si raffreddino. Il trattamento alla paraffina è una piccola sauna di calore che regala una pelle soffice e priva di imperfezioni. Ceramide naturale, la paraffina leviga l’epidermide, allevia gli arrossamenti, rende più semplice la manicure e idrata la pelle. Da evitare solo in caso di cliente incinta o in allattamento, e con chi soffre di ipertensione arteriosa.

(MICHELA MOLINARI)
Il modo più completo per prendersi cura di mani e piedi in inverno è sicuramente un servizio di Spa Manicure o Spa Pedicure come CND SPA Sugar Vanilla, a base di zucchero di canna e olio di oliva, che nutre e rinnova anche le pelli più spente e disidratate. Quattro gli step: maniluvio/ pediluvio in acqua tiepida e sali, scrub esfoliante, maschera nutriente - fatta assorbire avvolgendo le estremità in asciugamani morbidi e caldi - e lozione idratante. Il plus di servizi come questo è la profumazione, che nel periodo natalizio può essere a tema: un aroma dolce e speziato, come quello alla vaniglia nera e tè bianco del trattamento CND, è particolarmente apprezzato.

 

3. In vista delel Feste, la richiesta di manicure di tendenza decolla: quali saranno quest'anno i colori e i decori più in voga?

(ALESSANDRA MARCHESI)
Il rosso è da sempre il colore più richiesto sotto Natale, ma quest’anno sarà affiancato da colori tenui ma intensi, che ricordano le sfumature di bacche e frutti invernali. Un trend emergente è quello delle texture, che prevede l’abbinamento di effetti contrastanti: una manicure da toccare, oltre che da guardare. Il mio consiglio per queste Feste è di osare con i colori dei metalli preziosi - oro giallo, oro rosa, argento - abbinati a neutri femminili come il mauve. L’aggiunta di una finitura opaca renderà la manicure inedita e attuale. Questo tipo di finish è in grado di rendere anche i rossi decisi più portabili e moderni: perché non provarlo su semplici nailart “gradient”?

(LORENA DIMONTE)
Le tendenze per la manicure di quest’inverno arrivano direttamente dalle sfilate di moda e richiamano i colori dell’abbigliamento, dal sabbia al nude, dal tortora al piombo passando per tutte le sfumature intermedie, senza scordare i must come i rossi e i bordeaux che evocano i caldi colori dei vini. Nella nailart, occhi puntati sul nuovo accostamento bianco-argento, così come sugli smalti impreziositi da lucenti glitter, polveri a effetto specchio o brillantini. La decorazione delle unghie accontenta veramente ogni gusto: sul monocolore si possono aggiungere strass a rilievo oppure piccoli elementi metallici, mentre i disegni richiamano i quadri astratti, dai grafismi geometrici minimal fino a veri e propri mosaici di colori.

(MELANIA ALESSANDRELLO)
Attingendo dai color trend di Pantone, le tonalità predominanti dell’inverno BrillBird sono il rosso deciso Grenadine e Tawny Port, uno straordinario bordeaux con accenni violacei. Immancabile Ballet Slipper, un rosa leggerissimo. Le nailart saranno tridimensionali, con raffinati motivi floreali che richiamano l’alta moda, contornati da perle e strass che vanno a creare forme particolari. Lo stile dell’inverno è elegante ed eccentrico, con look più semplici a contrastare e risaltare mani e accessori.

(MICHELA MOLINARI)
Per questa stagione invernale i colori di tendenza sono senz’altro quelli che richiamano le tinte glaciali. La collezione CND Glacial Illusion propone ad esempio sfumature che vanno dal carta da zucchero al blu cobalto, dal rosa perla al cashmere, con bagliori satinati e shimmer che creano un magnetico effetto “regina delle nevi”. Chi desidera stupire con unghie particolarmente abbaglianti, più che con la nailart può giocare con i finish, puntando sui contrasti e abbinando, sulla stessa unghia, porzioni di finish matte e perlato o finish glitter e crème. Come? Alternando sapientemente i top coat, come quelli della CND Alluring Trilogy.

 

4. Il periodo pre-natalizio porta molte facce nuove in istituto: come si può mettere in atto una strategia di fidelizzazione che spinga le clienti occasionali a tornare?

(ALESSANDRA MARCHESI)
La scelta di brand affidabili, l’aggiornamento continuo, un customer care impeccabile: i fattori implicati nella fidelizzazione sono molti! Chi viene a fare un semipermanente per le Feste dovrà poi anche rimuoverlo: perché non studiare pacchetti scontati da acquistare prima di Natale, in modo da garantirsi il ritorno di una buona percentuale di clienti? È cruciale anche sapersi differenziare, offrendo trattamenti esclusivi e innovativi che possano ingolosire la clientela. Infine, il customer care: un’accoglienza sorridente ed educata (anche se quello natalizio è un periodo super stressante!), il rispetto dei tempi, la pulizia e l’igiene sono tutti aspetti che la clientela nota e giudica.

(LORENA DIMONTE)
Il primo feedback in istituto è determinante: l’accoglienza con una stretta di mano rassicurante rompe il ghiaccio con la cliente e serve a creare una zona di comfort, permettendoci di individuare le sue esigenze e offrirle un servizio su misura. Un ambiente gradevole, la qualità del servizio e la professionalità dell’operatrice completano il quadro d’insieme. In un’ottica di fidelizzazione, le carte fedeltà e i trattamenti-prova possono funzionare, ma non dimentichiamo che una cliente torna in un salone e lo consiglia solo se ha trovato un servizio all’altezza delle sue aspettative e una professionista capace di risolvere le sue problematiche, venire incontro alle sue richieste e creare quell’unicità che fa la differenza.

(MELANIA ALESSANDRELLO)
BrillBird mira molto al coinvolgimento della cliente: la professionista deve seguirla e supportarla nella scelta di un prodotto o servizio in maniera coerente, senza confonderla inviando call to action sbagliate, inviandone troppe, troppo poche o in momenti non consoni. Le clienti hanno bisogno di instaurare una conversazione con il brand, devono essere costantemente affascinate e interessate, anche e soprattutto quando sono più scettiche. Il Natale è brillante, innovativo e creativo; il nuovo anno deve esserlo altrettanto. Ad aiutarci, le continua novità del brand, che ci permettono di creare, inventare e proporre cose nuove.

(MICHELA MOLINARI)
Prima delle Feste, aiutate le vostre clienti nella “corsa al regalo”: esponete e proponete prodotti in formato retail e con packaging accattivanti, che possano diventare profumati pensieri da donare ad amiche e parenti. Naturalmente, scegliete i prodotti dello stesso brand utilizzato per i servizi in istituto: in questo modo, quando la persona che avrà ricevuto il regalo si innamorerà del prodotto, verrà a trovarvi e potrete proporle un trattamento della stessa linea. Un’altra idea regalo “strategica” sono le gift card: coupon prepagati per usufruire di un servizio presso il vostro salone, da sfruttare nei mesi successivi a gennaio.

 

Questo articolo fa parte del Focus
Inverno in salone

Gli altri articoli del Focus:

Piedi al Caldo
Crea un business frizzante e irresistibile intorno alla
pedicure anche in inverno con accorgimenti ad hoc.

Unghie in Festa
Scopri come trasformare nastri, palline, fiocchi di neve e alberi
di Natale in 4 nail design ultra chic che faranno impazzire le tue clienti.

A Casa per Natale
Qualche consiglio per concedere un po’ di meritato riposo alle tue
collaboratrici senza scontentare la clientela durante le Feste.

 

#Nailpro, #NP_focus, #NP_nov_dic_17, #invernoinsalone


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102