fbpx

home

L'aroma terapia in istituto come arma di marketing

Il potere dei profumi

  • Beauty Forum

L’olfatto, grazie ai circa 400 recettori che si nascondono nel naso, è probabilmente il più fine tra i nostri cinque sensi ed è “in linea diretta” con il nostro benessere. È grazie alla sua mediazione che, lungo il corso della nostra vita, immagazziniamo esperienze aromatiche in grado di evocare ricordi e sentimenti quando certi odori giungono di nuovo, dopo molto tempo, alle nostre narici. Queste reazioni hanno una spiegazione scientifica: è stata infatti scoperta una zona altamente sensibile all’interno del setto nasale, in grado di distinguere i profumi più fini come i ferormoni (secreti dalla ghiandola dell’ipofisi) e di trasmetterli al nostro sistema limbico sotto forma di segnali.
Questi segnali stimolano la produzione di neurotrasmettitori, che sono responsabili delle nostre emozioni e controllano il nostro sistema nervoso vegetativo. Attraverso l’ipofisi viene anche regolato l’equilibrio degli ormoni nel nostro corpo.

Vettori di gioia e di benessere

I profumi producono i loro effetti sul sistema limbico, una delle parti più ancestrali e misteriose del nostro cervello; esso ha un ruolo fondamentale nella formazione delle emozioni ed è in grado di evocare delle forti associazioni mentali. Utilizzando uno specifico aroma, si può riuscire a evocare un’atmosfera particolare o a trovare l’ispirazione. Gli odori, inoltre, regolano la produzione delle endorfine endogene e della serotonina, l’ormone della felicità, e possono avere facoltà armonizzanti, afrodisiache, stimolanti; queste loro caratteristiche li rendono in grado di trasmettere gioia di vivere, aumentare la creatività e la ricettività, mettere a proprio agio e, a volte, offrire l’input giusto per un rilassamento autentico e profondo.

Aromaterapia, una scienza a tutto tondo

La cosiddetta “aromaterapia” consiste nell’utilizzo di oli essenziali o di estratti di piante concentrati (da foglie, fiori, frutti, bacche, radici) a fini di trattamento. Da sempre aromi e profumi occupano uno spazio di rilievo all’interno dei trattamenti cosmetici, ed è ormai lontana l’epoca in cui l’aromaterapia era derisa ed etichettata come una mera pratica esoterica: oggi, infatti, i suoi benefici sono stati provati scientificamente. Per usare correttamente gli oli essenziali bisogna sapere come interagiscono con l’organismo e quali risposte sono in grado di provocare. Per quanto riguarda le modalità d’uso, gli oli essenziali possono essere assorbiti tramite la pelle e la respirazione, oppure per via orale; più l’olio è puro, più sarà efficace. 
Gli oli essenziali usati durante i trattamenti viso o corpo penetrano nel sangue e nel sistema linfatico passando attraverso la pelle e i pori. Quando vengono usati sulla pelle, gli oli non devono mai essere puri, ma diluiti con un altro olio di supporto (come, ad esempio, di mandorla dolce, sesamo, enotera, aloe vera, albicocca, noce di pesca, avocado, germe di grano, oliva, soia); poiché si ossidano facilmente, però, non vanno miscelati se non poco prima di essere usati.

Che buon profumo!

L’arte della cosmesi va di pari passo con l’utilizzo degli aromi negli ambienti: se infatti un luogo ha un profumo piacevole, vi ci soffermiamo più volentieri. È questo il concetto che sta alla base di ogni trattamento che coinvolga l’aromaterapia.
Se da una parte la cabina e l’intero istituto guadagnano sicuramente punti dall’essere gradevolmente profumati, dall’altra bisogna riflettere molto bene sulla selezione di questi aromi. I profumi non conferiscono solamente un tocco di freschezza allo spazio circostante; creano anche un’atmosfera particolare e possono potenzialmente evocare nell’ospite delle associazioni mentali e/o emotive, stimolando precise reazioni inconsce. A seconda dell’aroma che si sceglie si può, per fare qualche esempio, ottenere un effetto stimolante, purificante, calmante o sensuale.

Come agiscono i diversi profumi?

I profumi, o le essenze profumate, hanno la capacità di provocare effetti molto diversi: alcuni migliorano l’umore, altri calmano i nervi, altri ancora aiutano in caso di stress, mal di testa, dolori muscolari, ansia, depressione… Eccone una piccola lista (non esaustiva!):

  • Per un effetto rinvigorente e rinfrescante: bergamotto, limone, mandarino e melissa.
  • Per migliorare l’umore: bergamotto, citronella, limone, menta, arancia, mandarino, pompelmo, gelsomino, melissa e ylang-ylang.
  • Per stimolare il sistema nervoso, contro il mal di testa: menta piperita.
  • Per la concentrazione: menta piperita, limone, eucalipto e incenso.
  • Per rilassare e calmare i nervi: camomilla e lavanda. La lavanda, in particolare, è l’alleato migliore in caso di problemi psicosomatici della pelle, di respirazione e di sonno. Un massaggio eseguito con olio di lavanda e di mandorla aiuta ad armonizzare il ritmo respiratorio, riduce lo stress, calma e favorisce un sonno sereno.
  • Per un effetto rigenerante, rivitalizzante, equilibrante, astringente e armonizzante: rosa.
  • Per ridurre lo stress: pompelmo, patchouli, legno di sandalo, fiori d’arancio, anice, gelsomino o lavanda.
  • Per sciogliere un blocco di energia: ylang-ylang, patchouli e legno di sandalo.
  • Per ritrovare la serenità: legno di sandalo.
  • Con potere sul corpo e l’animo: cedro, ginepro e issopo.
  • Afrodisiaci: muschio e ambra grigia sono tra i profumi afrodisiaci più conosciuti. Il muschio si sposa molta bene con la pelle, sviluppando anche un effetto attraente; l’ambra, invece, ha un odore dolce e caldo, con un tocco particolare che ricorda il tabacco. Se viene applicato sulla nuca, sviluppa un effetto molto sensuale ed emozionale.
  • Per rallentare i processi di invecchiamento e stimolare la crescita cellulare: neroli.

Una grande varietà di diffusori

Le essenze e le profumazioni per gli ambienti sono disponibili in forme diverse: nebulizzatori, bastoncini d’incenso, profumatori d’ambiente, diffusori con bastoncini in legno, candele, lampade, coppe… Molto popolari sono i diffusori con tecnologia a ultrasuoni, da riempire con acqua e con qualche goccia di olio profumato che, evaporando a freddo, si libera nell’ambiente. Nella stanza si propaga così una leggera “nebbia” aromatica che emana la sua fragranza ovunque e purifica l’aria circostante.

L'arma n°1 del marketing

I profumi non hanno effetto solo sul benessere, ma possono anche influenzare fortemente le nostre azioni. In un supermercato, ad esempio, l’odore del pane fresco serve a invogliare i clienti all’acquisto; nei concessionari d’auto, invece, il profumo di “auto nuova” rende più accattivanti i modelli in promozione; in un’agenzia di viaggi, un profumo di “brezza marina” spinge i clienti a cedere alla tentazione di una destinazione da sogno…

 

Una firma per il tuo istituto?

Esistono dei grandi magazzini in cui il profumo è semplicemente unico! Per esempio, in una catena americana di abbigliamento sportivo rivolta principalmente a una clientela giovane, gli esperti di marketing profumano non solo l’ambiente del negozio, ma anche tutti i vestiti che si trovano in vendita. In questo modo, gli abiti acquistati avranno il profumo tipico del marchio fino al loro primo lavaggio. Questo particolare aroma, per i giovani clienti, incarna la filosofia e lo stile di vita evocato dal brand, e questo in ogni punto vendita del mondo! Il profumo è diventato talmente riconoscibile da venire associato immediatamente al marchio. Lo stesso concetto può funzionare anche nel tuo istituto. Che ne dici di fare del tuo salone un luogo unico e diverso da tutti gli altri grazie alla tua personale firma aromatica?

 

Christiane Laszig
Estetista e truccatrice, lavora per il cinema e la televisione e forma nuovi visagisti. Come autrice tratta principalmente i temi legati a cosmesi, antiage e make up.

 

 


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102