fbpx

home

Interviste esclusive ad Agata Plumari, Alessandra Marchesi, Melania Alessandrello e Monica Mistura

NailArt: i Consigli dei Tecnici

  • Nailpro

Se è vero che la ricerca ha trasformato drasticamente l'universo del colore e della ricostruzione unghie, è nel campo della nailart che, negli ultimi anni, si registrano le innovazioni più sorprendenti. Decorare le unghie è un'attività creativa, forse la più creativa nell'ambito delle professioni beauty, e i brand questo l'hanno capito molto bene, cominciando a usare a loro volta la fantasia e l'ingegno per escogitare nuove tecniche e nuovi prodotti da sottoporre al mercato. D'altro canto, la nailart ha smesso da tempo di essere una bizzarria per poche: nei backstage di moda, la manicure ha conquistato un ruolo di prim'ordine, affiancando il make up come contrappunto agli outfit delle collezioni; nella vita quotidiana di moltissime donne, l'unghia decorata rappresenta un accessorio di bellezza pari a gioielli e borsette - e più a buon mercato, quindi ulteriormente apprezzato! In questo contesto, il nailartist si trova a dover conciliare due aspetti: da un lato, saper proporre le decorazioni più in voga del momento; dall'altro, riuscire a contenere il proprio estro creativo nel tempo limitato di un appuntamento. Perché, si sa, in salone è una corsa continua! Ecco allora che diventa fondamentale poter attingere in ogni momento a un serbatoio di temi decorativi, pattern, strumenti, accessori e tecniche versatili e facilmente adattabili a ogni cliente. Ne abbiamo parlato con Agata Plumari, Alessandra Marchesi, Melania Alessandrello e Monica Mistura.

 

1. Forme, colori, decori: quali sono le tendenze del momento in fatto di nailart da salone?

(AGATA PLUMARI)
Due classici come square e mandorla rimangono forme raffinate ed eleganti, specie se abbinate alla French manicure. La mandorla rimane il top, poiché rende sinuosa e snella anche la mano meno slanciata. Attualmente stanno crescendo le particolari e impegnative "balance point" di lunghezze non estreme ma portabili, forme che rendono i gesti molto femminili, dedicate alle donne più esigenti. Le tendenze colore vedono spiccare il romantico rosa pastello, declinato in tutte le sue sfumature. In voga anche i colori del mare e del cielo, ma anche il giallo e l'arancio, da soli o sfumati tra loro. I decori spaziano dal nude look ai geometrici, passando per pois, farfalle e fiori vivaci.

(ALESSANDRA MARCHESI)
La nailart è un settore meraviglioso, dove si ha la possibilità di creare i trend, e non solo di seguirli. Per quanto riguarda la forma, la tendenza attuale si divide momentaneamente in due: mandorla e ballerina. Due forme contemporanee, che stanno bene a tutte e si prestano a essere tele perfette su cui sbizzarrirsi con la fantasia. La lunghezza, invece, tende verso il medio/ lungo. Per la prossima stagione prevedo moltissimi contrasti di colore, con accostamenti decisamente "estremi": bianco e nero, rosso e blu tiffany. Per la nailart si confermerà la tendenza allo stile grafico, con decori di ispirazione geometrica abbinati alla foglia d'oro. Molto attuali anche gli effetti "impressionistici", dati da pennellate visibili di diverse sfumature: veloci, d'effetto e semplici da realizzare.

(MELANIA ALESSANDRELLO)
Le nailart elaborate cominciano a essere sempre più richieste in salone, regalando a ogni cliente un momento speciale tutto per sé e accontentando anche le più esigenti. Le forme cambiano dimensione, l'ispirazione macro principale propone il tema "fruit & flower". Il motivo decorativo della frutta esotica predomina, abbinata a vari effetti matt & velvet. L'estate BrillBird si riempie di splendidi toni, dal rosso vermiglio al rosa shocking, dall'arancione al giallo limone.

(MONICA MISTURA)
La scelta della forma è sempre molto soggettiva, dipende dalla mano e dai gusti della cliente. Il trend attuale è molto vario e spazia dalla classica mandorla alla mandorla gotica/russa, in diverse varianti di lunghezza. Molto richieste sono anche la ballerina e la Marilyn, che sta prendendo il posto della squoval per la sua eleganza e armonia. Per quanto riguarda la nailart, le ultime tendenze hanno le nuance pastello come protagoniste; il mio preferito rimane il rosa in tutte le sue sfumature, soprattutto applicato al baby boomer, nel quale le diverse tonalità di nude sfumano nel bianco gesso o latte. L'estate 2018 vedrà il trionfo delle decorazioni geometriche, di ispirazione etnica, nelle tonalità calde e intense del rosso, dell'arancio e del sabbia.

 

2. Dove il nailartist può cercare e trovare nuovi spunti d'ispirazione per proporre alle clienti decori sempre nuovi?

(AGATA PLUMARI)
Le riviste di settore e un occhio alla moda sono fondamentali per stare al passo con le tendenze. Anche sul web c'è un universo sconfinato da cui attingere. Personalmente amo molto l'arte e mi piace ispirarmi a pittori famosi come Van Gogh, Frida Kahlo, Schloe e Keith Haring.

(ALESSANDRA MARCHESI)
Le fonti d'ispirazione sono moltissime: nell'era del web, dove tutto è diffuso in maniera istantanea con effetto immediato, è praticamente impossibile non incappare in qualcosa di interessante. Il mondo della moda è da sempre il primo faro da cui partono le tendenze: le unghie sono ormai veri accessori del nostro look, e come tali non sono più considerate "complementari". Al contrario, la manicure ingaggia con gli outfit un gioco di contrasti che crea look d'impatto. Adoro le decorazioni semplici che fanno "statement": gradient, sfumature che giocano su tutta l'unghia. Ma mi piacciono anche le sfide: l'arte contemporanea è piena di spunti interessanti. Pinterest e Instagram sono i due social da tenere assolutamente d'occhio!

(MELANIA ALESSANDRELLO)
L'ispirazione è semplice da trovare, ma la parte più affascinante sta nel combinarla con la fantasia, per far sì che ogni lavoro diventi unico e inimitabile. L'essenziale è osservare tutto ciò che ci circonda; viaggiare, in particolare, apre la nostra sfera visiva. Di grande aiuto per la scelta dei toni cromatici sono senz'altro le tendenze moda, ossia ciò che gli stilisti propongono in passerella. Tutto diventa spunto e idea, con la differenza che copiare è facile, mentre creare nuovi modelli d'ispirazione da proporre lo è molto meno.

(MONICA MISTURA)
Io credo sia importante che ogni nailartist sviluppi un proprio stile personale e, per farlo, può trarre ispirazione dalle sue passioni e da quello che vede intorno a sé: i social network, soprattutto Instagram e Pinterest, sono una fonte preziosa e inesauribile di spunti e idee originali, ma anche la carta stampata è fondamentale, soprattutto per rimanere informati sulle ultime tecniche e tendenze. Io suggerisco sempre di seguire anche le sfilate di moda, perché le collezioni colore dei nail brand sono sempre studiate e create sulla base dei trend che vediamo in passerella. Infine, è fondamentale continuare a studiare e aggiornarsi, frequentando corsi di formazione e di specializzazione: solo così si può offrire sempre qualcosa di nuovo e di attuale.

 

3. Quali sono i pennelli che non pososno mancare nella "cassetta degli attrezzi" di un nailartist?

 

(AGATA PLUMARI)
Pennelli di qualità agevolano molto il lavoro del nailartist, diversamente anche la mano più esperta potrebbe avere difficoltà nella realizzazione dei decori. È importante ricordare che i pennelli del gel non devono essere utilizzati per i colori ad acqua e viceversa. Indispensabili, secondo me, sono i pennelli tondi di diverse lunghezze e dimensioni: piatti, piatti obliqui e a lingua di gatto.

(ALESSANDRA MARCHESI)
Negli anni ho accumulato decine di pennelli, ma finisco sempre per usarne solo 3. Per la maggior parte del lavoro uso un pennello 00 in setole sintetiche: mi serve per tracciare le campiture ed aggiungere dettagli prima della sigillatura. Le setole sintetiche garantiscono un'elasticità che si unisce a una certa "rigidità", assicurando massima precisione. Il secondo tool per me indispensabile è un pennello sintetico sottilissimo ma con setole più lunghe (da me ideato personalizzando un pennello di belle arti): utilissimo per realizzare sfumature, è anche mia scelta d'elezione quando devo realizzare decori con il semipermanente; le setole sintetiche si puliscono facilmente e rimangono compatte nel tempo. L'ultimo immancabile pennello è uno striper in pelo naturale: le sue fibre di aggrappano in maniera ottimale alla superficie curva dell'unghia, consentendomi di tracciare linee lunghe e curvate alla perfezione.

(MELANIA ALESSANDRELLO)
I pennelli di cui non posso fare a meno sono quelli che mi permettono di creare varie tecniche artistiche: il pennello Artist, ad altissima precisione, l'Acrylart per i decori tridimensionali e il pennello 0 sono a mio avviso nella top 3 degli strumenti indispensabili.

(MONICA MISTURA)
I pennelli che non possono assolutamente mancare sul tavolo del nailartist professionista sono: pennelli con setole ultra sottili (0.5, 1 e 2), pennelli piatti e pennelli diagonali per One Stroke di diverse dimensioni; molto utili anche i pennelli per acrilico di piccole dimensioni con setole in martora Kolinsky per la realizzazione di decorazioni in 3D.

 

4. Come si possono realizzare nailart a effetto anche senza possedere una manualità pittorica innata?

(AGATA PLUMARI)
In linea generale la clientela dei saloni è piuttosto classica e non dà modo di sbizzarrirsi, quindi meglio non proporre nailart vistose su tutte le unghie; consiglio accent manicure, sfumature, styline semplici da realizzare. Stamping, stickers e aerografo sono strumenti di sicuro aiuto per chi non possiede una spiccata manualità. Le nailart dei corsi Estrosa sono state studiate proprio per essere realizzate anche da mani inesperte: step chiari e semplici, che danno vita a risultati sorprendenti prima di tutto per le corsiste stesse. Senza dimenticare, poi, che passione e perseveranza sono gli ingredienti per raggiungere qualsiasi risultato - anche in fatto di nailart.

(ALESSANDRA MARCHESI)
La nailart è una questione di pratica. Ci sono tecniche semplici che possono essere eseguite con un minimo esercizio, ma se la passione è forte vale la pena frequentare un buon corso di decorazione e, soprattutto, esercitarsi. Pur essendo entrata nel settore come nailartist, non mi considero un "talento naturale", ma proprio questo mi ha consentito di sviluppare un mio approccio personale per semplificare e realizzare soggetti che non avrei mai pensato di riuscire a dipingere. Metà del lavoro è mentale: è necessario imparare a "scomporre" le immagini di riferimento. L'altra metà è fatta di esercizio e dedizione.

(MELANIA ALESSANDRELLO)
BrillBird propone da sempre tantissime idee per nailart di grande impatto e tutt'altro che complicate. Con due semplici top coat, ad esempio, possiamo creare contrasti particolarissimi tra matt e lucido, lavorando su una base colorata. Di grande effetto e di facile utilizzo sono anche le polveri chrome, così come superlativi sono i dots, che permettono di giocare e dare un tocco di luce. Oggi esistono moltissimi prodotti per stupire le clienti in salone in poche semplici mosse, con giochi di colore, sfumature ed effetti iridescenti.

(MONICA MISTURA)
Contrariamente a quello che tutti pensano, è possibile realizzare decorazioni e nailart di grande effetto anche senza possedere grandi doti artistiche o manuali. Sempre, però, se si conoscono le giuste tecniche! Una di queste è l'effetto spugnato, che si può realizzare con spugnette o tamponi e che consente di ottenere sfumature davvero particolari. Inoltre si può sfruttare l'effetto scenografico delle contrapposizioni di colori, texture e finish e, infine, si può puntare sull'uso di applicazioni e decorazioni di vario genere (strass, borchie, punti luce...) che arricchiscono immediatamente anche la manicure più semplice.

 

 


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102