fbpx

home

Quei Peli di Troppo

  • Beauty Forum

Quando una donna raggiunge l'età della menopausa, si deve spesso confrontare con alcuni fisiologici inconvenienti, come vampate di calore improvvise, spiacevoli rotolini sui fianchi e fastidiosi problemi di natura estetica: la peluria sul viso che si intensifica, soprattutto nell'area nasolabiale e sul mento. Alcune clienti ne soffrono di più, altre di meno, ma la comparsa di "baffetti" e "barbetta" non è affatto insolita quando hanno luogo dei cambiamenti ormonali.

Epliazione del viso

La peluria che danneggia l’estetica complessiva del viso può essere un problema davvero gravoso per l'autostima di una donna. Rassicurala: i trattamenti di epilazione in quest’area sono routine in qualunque centro estetico. Puoi dunque aiutare prontamente la tua cliente, così che possa sentirsi di nuovo bene con se stessa.
Per avere un viso sempre ordinato e privo di peli superflui, queste clienti si recano dall'estetista almeno una volta al mese. È una tipologia di cliente che dà soddisfazioni e che tende a rimanere fedele negli anni. Vale la pena, quindi, ripassare e approfondire la tua tecnica di epilazione: la fatica spesa si ripagherà da sola in istituto.
I peli sul viso sono molto corti, e questa sì che è una bella sfida! La loro lunghezza media è di 1 mm e, per rimuoverli, serve una cera morbida ma che, una volta applicata, si solidifichi abbastanza da inglobarli al suo interno senza lasciarli scappare quando viene rimossa. Non conviene, quindi, lavorare con le strisce epilatorie: non permettono alla cera di solidificarsi a sufficienza, e molte clienti non gradiscono lo strappo. Da un paio di anni sta diventando sempre più diffuso l’utilizzo sul viso della cera a caldo senza strisce, o cera brasiliana. Prima del suo utilizzo, bisogna ricordarsi di applicare sulla pelle qualche goccia d'olio, in modo da creare un sottile strato protettivo che renda la rimozione più gradevole e delicata. Inglobando i peli estirpati al proprio interno, inoltre, questa cera è perfetta per mostrare immediatamente alla cliente il risultato del trattamento, fornendo una prova visibile della sua efficacia.

Una pelle super liscia

Quando si deve scegliere il tipo di cera da utilizzare sul viso, è meglio optare per una a bassa temperatura di applicazione; più bassa è, meglio è! Le cere ideali sono quelle utilizzabili a una temperatura inferiore ai 45° C.
Durante il servizio, poi, non dimenticare di proteggere adeguatamente la pelle della cliente; è meglio non stendere la cera direttamente sulla cute, perché così facendo finiresti per strappare via, nella rimozione, anche un gran numero di cellule epiteliali, soprattutto se la pelle è particolarmente secca. Preparando l’area da trattare con un apposito prodotto pre-epilatorio, invece, avrai un minore impatto sull'epidermide, anche nel caso dovessi fare più strappi. Frapporre uno strato protettivo tra pelle e cera aiuta anche a prevenire possibili irritazioni cutanee post-trattamento.
Per far sì che i peli vengano "abbracciati" nella loro interezza dalla cera, assicurati per prima cosa di usare abbastanza prodotto (uno degli errori più comuni, infatti, è di usarne troppo poco). Esegui questa operazione con calma e, mentre stendi la cera, premi con decisione la spatola contro la pelle: riuscirai, così, a catturare tutti i peli. 

Il post-trattamento

Applicare il prodotto giusto al termine dell’epilazione è di fondamentale importanza, soprattutto se la cliente ha la pelle sensibile; esistono, a questo proposito, numerose lozioni post-epilatorie professionali che puoi utilizzare in istituto. Ricorda anche alla cliente che nelle 24 ore successive al trattamento non dovrà applicare prodotti a base oleosa sulla zona trattata, non dovrà prendere il sole o fare delle lampade, né eseguire dei peeling.
Sono molte le clienti che ogni giorno perdono tempo davanti allo specchio scansionando ogni centimetro quadrato di pelle per rimuovere minuziosamente con la pinzetta ogni pelo che vedono; altre, invece, ricorrono al rasoio perché non conoscono un’alternativa migliore. Un’estetista, invece, può rimuovere efficacemente questi peli con poche passate di cera - a patto che l'arco di tempo tra un appuntamento e quello successivo sia calcolato attentamente. Per molte clienti, quattro settimane tra una ceretta e l’altra sono troppe e alcune tornano in istituto addirittura ogni due settimane. In linea generale, comunque, un’epilazione completa del viso comprende sopracciglia, baffetti, guance, naso e mento e dura circa 20 minuti.

 

Peli e menopausa: una questione di ormoni

La ginecologa Susanne Heindorf fa chiarezza.

"Quando una donna entra in menopausa, nel suo organismo diminuisce la produzione di estrogeni e progesterone, mentre aumenta quella di testosterone (l’ormone sessuale maschile). Quando il testosterone raggiunge livelli eccessivi, la pelle sviluppa una maggiore tendenza a impurità e acne adulta; anche il timbro della voce si modifica lievemente, diventando più basso. La comparsa di un velo di "barba" nella donna in menopausa si può far risalire alla medesima causa.
Il giusto livello di estrogeni è indispensabile per un incarnato sano e tonico e per la regolazione della circolazione sanguigna e del metabolismo; se durante il climaterio (il periodo che precede la menopausa) la secrezione di questo ormone crolla, anche i depositi di idratazione e di grasso cutaneo diminuiranno. Calerà anche la produzione di collagene ed elastina, responsabili dell’elasticità della pelle, e questa diventerà più secca, sottile e cadente.

Non è detto, però, che la comparsa di peli sul viso di una donna vada trattata cercando di gestire la predominanza del testosterone. Al contrario, solitamente il ginecologo punta piuttosto ad aumentare estrogeni e progesterone, ovvero gli ormoni sessuali femminili.

In questo modo, nella pelle ormai sottile e poco nutrita si riattiva la circolazione sanguigna, migliora l’approvvigionamento di sostanze nutritive, aumenta la riproduzione cellulare e la cute recupera tono e resistenza. La giusta terapia ormonale può essere estremamente efficace anche nel combattere la peluria eccessiva in zone come il labbro superiore, il mento, l’addome, le braccia o le gambe."

 

 

Epilazione Baffetti: Step by step

 

1. Detergi la pelle della cliente, poi applica qualche goccia di olio pre-epilatorio. Spalma l'olio con le mani (ricorda di indossare i guanti!) e rimuovine gli eccessi tamponandoli con un fazzoletto asciutto.

 

 

2. Stendi la cera con una spatolina di legno, facendo attenzione a muoverti contropelo. Lascia un bordo leggermente più spesso, così da creare un appiglio per lo strappo. La cera può essere applicata anche leggermente all'interno della linea del labbro.

 

 

3. Nell'area centrale tra il naso e il labbro superiore, i peli sono molto spessi e crescono in direzione del mento. È anche una zona molto sensibile. Stendi, quindi, solo una piccola quantità di cera per evitare di doverne strappare una striscia troppo grande.

 

 

4. Chiedi ora alla cliente serrare le labbra e strappa via la striscia con un movimento rapido; ricorda di muoverti contropelo. Appena avrai strappato la cera, applica sull'area una leggera contropressione.

 

 

5. Se devi rimuovere i peli anche in altre zone del viso, come guance o collo, puoi usare la stessa tecnica; l'importante è adattare la quantità di cera alla dimensione dell'area da trattare.

 

 

6. La tua cliente può vedere fin da subito i risultati del trattamento: mostrale il lato inferiore della cera che hai appena rimosso, nella quale saranno rimasti imprigionati i suoi peli superflui.

 

Appuntamento al prossimo numero per la seconda parte dell'articolo: l'epilazione intima in menopausa.

 

Aylin Kizilkaya
Estetista, è specializzata in tecniche di epilazione. Dal 2015 è Responsabile Formazione per Pink Cosmetics.

Susanne Heindorf
Ginecologa e titolare del centro di medicina estetica BRB.


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102