fbpx

home

Come rendere confortevole una gravidanza in istituto per l'operatrice e per la cliente

Dolci attese

  • Nailpro

Per molte donne la gravidanza è un vero e proprio periodo di grazia. Anche la più entusiasta delle future madri, tuttavia, deve fare i conti con le sfide che la dolce attesa porta con sé; non da ultima, il dover venire a patti con un corpo in rapido cambiamento. Va da sé che chiunque lavori in un’attività prevalentemente guidata da donne e rivolta alle donne - come un centro estetico o un nail studio - dovrebbe sapere come gestire una cliente in gravidanza. Anche l’operatrice in dolce attesa, però, deve sapersi prendere cura di se stessa durante la sua routine lavorativa quotidiana.

Cose da sapere

  • Nel 2016 ci sono state 474mila nascite in Italia, 12mila in meno rispetto all’anno precedente: il livello di natalità più basso mai registrato nel Paese.
  • Si conferma la propensione delle donne ad avere figli in età più avanzata rispetto al passato: nel 2016 l’età media al parto è stata di 31,7 anni.
  • La fecondità totale è scesa nel 2016 a 1,34 figli per donna (rispetto all’1,35 del 2015).
  • La fecondità si attesta a livelli più alti nelle regioni del Nord Italia (1,4 figli per donna) rispetto a quelle del Centro (1,31) e del Sud (1,29).

Fonte: dati ISTAT aggiornati al 1° gennaio 2017.

Una gravidanza sicura

Per un’onicotecnica è sempre meglio sapere se una cliente è incinta, soprattutto in quel periodo particolarmente delicato che è il primo trimestre - quando la donna può soffrire di nausee improvvise ed essere particolarmente sensibile agli odori. Tieni presente che anche in un salone perfettamente ventilato potrebbero esserci degli odori che tu, magari, non percepisci neanche, ma che possono rivelarsi fastidiosi per una cliente in stato interessante. La buona notizia è che i prodotti topici che si usano normalmente in sede di manicure e pedicure non sono in genere pericolosi per una donna in gravidanza, anche perché la pelle ne assorbe solo una piccola parte. Inoltre, quando si è in dolce attesa le unghie crescono più velocemente e sono più forti, quindi è probabile che le clienti abbiano bisogno più spesso dei tuoi servizi. Per una cliente incinta il comfort è tutto, soprattutto quando si trova nel secondo e terzo trimestre della gravidanza. Potrebbe, ad esempio, aver bisogno di aiuto per sedersi alla postazione pedicure, e magari le potrebbe giovare il supporto di un morbido cuscino; alcune, inoltre, potrebbero apprezzare l’effetto rilassante di una delicata sedia massaggiante (senza vibrazioni) che le aiuti a liberarsi dello stress che accompagna inevitabilmente questi mesi ricchi di emozioni. Non è raro che una donna in dolce attesa sia improvvisamente esausta o abbia sbalzi d’umore: non aspettarti, quindi, uno stato d’animo necessariamente equilibrato e sereno, ma anzi aspettati (e perdona) eventuali ritardi o cancellazioni, anche repentine.
Una volta che la cliente è entrata nel terzo trimestre, la pedicure diventa un rituale necessario: il pancione, infatti, rende difficile raggiungere i piedi per prendersene cura in autonomia! In genere non ci sono controindicazioni alla pedicure, a meno che la cliente non stia portando avanti una gravidanza a rischio (informazione di cui l’operatrice dovrebbe essere a conoscenza prima di iniziare il servizio!). Anche se la gravidanza non è a rischio, comunque, è bene rispettare alcuni accorgimenti specifici, come evitare di usare acqua troppo calda e non esercitare una pressione eccessiva durante il massaggio - la pelle e i muscoli delle future mamme, infatti, sono particolarmente sensibili. Controlla se le gambe, le caviglie e i piedi della cliente sono gonfi e, se l’edema è ordinario e non particolarmente accentuato, esegui il massaggio esercitando dei movimenti verso l’alto, in modo da riattivare la circolazione linfatica e favorire il comfort della cliente.

auto-cure essenziali

La vocazione dell’onicotecnica è quella di fornire un servizio impeccabile e, per questo, molte operatrici mettono spesso i propri bisogni al secondo posto, anche quando stanno per diventare mamme. Le donne, soprattutto se lavoratrici, tendono a voler strafare durante la gravidanza, ma dovrebbero imparare ad ascoltare il loro corpo. Inizia chiedendoti come rendere l’ambiente di lavoro più confortevole per il pancione che sta crescendo: una volta trovata la risposta a questa domanda, ti si apriranno nuove possibilità per affrontare al meglio questi mesi preziosi.

  • Preparati ad affrontare le nausee mattutine. Secondo gli esperti, la soluzione alle nausee mattutine è mangiare piccole porzioni di cibo più volte al giorno. Tieni una scorta di snack secchi (come dei crackers) in un cassetto della tua postazione. Se questo accorgimento non bastasse, l’alternativa è ricorrere a dei farmaci anti-nausea compatibili con la gravidanza. Prova a parlarne con il tuo medico! Se vuoi sentirti più tranquilla, comunque, tieni a portata di mano spazzolino e dentifricio e un cambio d’abito.
  • Bevi molto. Una nausea continua e una minzione frequente possono farti disidratare senza che tu te ne renda conto. Tieni vicino a te una bottiglia d’acqua e bevine piccoli sorsi durante l’arco dell’intera giornata. Se ti sembra di fare fatica a trattenere i liquidi, invece, parlane con la tua ostetrica o il tuo ginecologo, perché potresti avere bisogno di un’idratazione endovenosa.
  • Riposati a sufficienza. Spesso chi lavora in un centro nail non può permettersi il lusso di accorciare le proprie giornate lavorative. Si possono, però, trovare delle soluzioni temporanee, come andare a letto presto alla sera per riuscire a dormire almeno 7-8 ore a notte, o aggiustare leggermente la propria agenda in base alle esigenze del corpo che cambia. Inoltre, dal momento che una donna in gravidanza tende a soffrire di sonnolenza nel primo pomeriggio, potrebbe essere utile fare un pisolino tra le 15 e le 17 e, magari, lavorare un’ora in più la sera. Molte clienti potrebbero apprezzare questo orario!
  • Muoviti frequentemente. Trascorrere molto tempo seduti non fa bene a nessuno, ma fa male soprattutto alle donne in gravidanza, che spesso tendono a soffrire di mal di schiena e caviglie gonfie. Programma delle brevi pause tra una cliente e l’altra, così da alzarti e passeggiare un po’.
  • Vestiti comoda. Un abbigliamento che sembra comodo a inizio giornata può diventare peggio di un laccio emostatico entro le due del pomeriggio. Per andare sul sicuro, opta per un paio di morbidi leggings con una lunga tunica, oppure per un vestito morbido e svolazzante.
  • Fai un controllo della vista. Durante la gravidanza la tua vista potrebbe calare, rendendo il lavoro sulle unghie una sfida ancora più grande di quanto già non sia. Consulta un ottico per farti adattare la gradazione delle lenti (se già porti gli occhiali), oppure fatti prescrivere un paio di occhiali provvisori.
  • Chiedi aiuto. Le donne sono notoriamente riluttanti a chiedere aiuto agli altri. Un consiglio: sii generosa nell’aiutare le tue colleghe quando te lo chiedono, così non ti sentirai in colpa a domandare il loro aiuto quando sarai tu ad averne bisogno. Se ti trovi nel terzo trimestre, ad esempio, puoi provare a chiedere a una collega di scambiare le tue pedicure con le sue manicure, così da non doverti piegare sulla pancia o sforzare troppo la schiena. Oppure, potresti prendere degli accordi speciali con la tua titolare in un’ottica di maggiore flessibilità, chiedendole, ad esempio, l’autorizzazione ad arrivare leggermente più tardi al mattino se soffri di nausee, per poi tornare agli orari normali una volta che il problema sarà superato. Inoltre, le operatrici in gravidanza dovrebbero essere aiutate a sollevare qualunque cosa che pesi più di 4.5 kg (come le vaschette piene d’acqua, ad esempio).
  • Mantieni la tua professionalità. Durante la gravidanza potresti soffrire di frequenti sbalzi d’umore ed essere più irritabile del normale ma, se riuscirai a prenderti cura di te stessa, il tuo livello di stress dovrebbe rimanere sotto controllo. Sintonizzati con il tuo corpo, impara a capire come ti senti e se hai magari bisogno di una pausa: a trarne beneficio non sarai solo tu, ma anche le tue clienti.

 

Linda Kossoff

 

 

 


Newsletter


zeroventi • Via Valprato 68 - 10155 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102