fbpx
L'importanza di offrire una tisana all'ospite durante un trattamento

Il dovere di ricordare

  • Beauty Forum

Senza ricordi non c'è identità: come possiamo sapere chi siamo, se non sappiamo come siamo arrivati a esserlo?

Si usa dire, di una persona particolarmente smemorata, che abbia "la memoria dei pesci rossi". A lungo si è ritenuto che la capacità di memorizzazione di questi piccoli esemplari fosse di appena una manciata di secondi. Vari studi hanno poi parzialmente ribaltato la categoria, rivelando come i pesci rossi abbiano sì una memoria limitata, ma nel senso di "selettiva": se li abitui a ricevere cibo sempre nello stesso punto dell'acquario, ad esempio, sapranno che nuotare nei dintorni è una buona idea, pur non ricordandosene la ragione.

Immaginiamo di saper parlare la lingua dei pesci rossi e di interrogarne uno. Saprebbe rispondere alla domanda "chi sei?"? Probabilmente no. Senza ricordi non c'è identità: come possiamo sapere chi siamo, se non sappiamo come siamo arrivati a esserlo? Eppure, l'essere umano si comporta spesso da pesce rosso, selezionando dalla memoria solo ciò che gioca a suo favore. Non lo fa per genetica, ma per comodità.

"Beati gli smemorati, perché avranno la meglio anche sui loro errori", sospira Mary citando Nietzsche nel film "Eternal Sunshine of the Spotless Mind" ("Se Mi Lasci Ti Cancello"). Segretaria (pentita) di una clinica specializzata nel rimuovere ricordi, decide alla fine di consegnare a tutti i pazienti la documentazione relativa alle loro richieste di cancellazione. Spingendo così i due protagonisti Joel e Clementine, ritrovatisi dopo essersi vicendevolmente cancellati, a riprendere la loro relazione amorosa, consapevoli che gli errori commessi non dovrebbero essere dimenticati, ma fissati nella memoria per imparare a non ripeterli.

Ricordare solo quello che ci conviene è un ottimo modo per autoassolverci dai nostri peccati. E più l'episodio è lontano nel tempo più è facile liquidarlo, minimizzare il nostro ruolo e le nostre responsabilità. Lo facciamo come singoli, ma lo facciamo anche come collettività. Lo facciamo quando riduciamo la storia recente a noiosa materia scolastica, invece di trattarla come un patrimonio nazionale. Lo facciamo quando permettiamo ai capricci del presente di avere la meglio sugli insegnamenti del passato. Libri bruciati (Modena, 11 novembre), lapidi di partigiani sfregiate (Milano, 13 novembre) sono solo gli ultimi due gravissimi prodotti di questa nefasta tendenza alla memoria selettiva, che offende conquiste di civiltà faticosamente guadagnate. Sventurati gli smemorati, perché ad annientarli saranno i loro stessi errori.


Valeria Federighi

 

#BeautyForum, #inogninumero, #appunto, #BF_dic19_gen20


Newsletter Beauty Forum


zeroventi • Via Passalacqua 4 - 10122 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102