fbpx
Roberto Valente

Mi racconti una storia?

  • Beauty Forum

Far capire al nostro interlocutore che siamo noi, insieme a lui/lei, i protagonisti della storia che raccontiamo, è vincente. Il viaggio lo facciamo insieme, noi al suo servizio.

È una delle prime frasi che abbiamo pronunciato o che ci è stata detta dai nostri figli, soprattutto nella fase pre-addormentamento. 
Ma perché questo desiderio, innato in tutti noi, di sentire delle storie? L’essere umano ha una naturale tendenza a voler vivere in una dimensione quasi onirica, a volersi immedesimare nei personaggi (normalmente nel protagonista) di una storia immaginando di ripercorrerne le orme per poi uscirne (in linea di massima) vincitore. Perché le storie hanno proprio questo in comune: un protagonista, generalmente un personaggio virtuoso e altruista; una situazione improvvisa che genera uno shock e quindi induce un cambiamento nel ritmo della storia; una fase più o meno concitata in cui il protagonista (anche detto eroe) combatte; un epilogo, che può essere più o meno felice e che, in genere, lo è.

Tutto questo cosa c’entra con la nostra attività quotidiana? C’entra, c’entra eccome. Il fascino nei confronti delle storie, infatti, non si esaurisce col passare degli anni. Proprio per questo, da un po’ di tempo le aziende più evolute e illuminate hanno creato, o iniziato a descrivere, la propria storia: è il cosiddetto storytelling.

Se ne parla molto, tuttavia il suo utilizzo non è così frequente. E si badi: questa non è una faccenda che riguarda solo i grandi gruppi multinazionali organizzati ma, al contrario, chiunque abbia un prodotto o servizio da vendere lo dovrebbe utilizzare per essere più accattivante nei confronti dei clienti o dei potenziali tali. Partiamo dal presupposto che la gente è curiosa e, come tale, è anche interessata a capire chi siamo e che cosa facciamo. E non banalizziamo il tutto riducendolo alla lista dei servizi del nostro centro che sono scritti su un bel tabellone all’ingresso o stampati su un volantino. Non basta. Ma “perché” lo facciamo? Come siamo nati? Qual è il nostro pensiero mattutino che ci fa alzare con piacere e fare il nostro lavoro con entusiasmo? Quali difficoltà abbiamo dovuto affrontare? Come abbiamo fatto a rendere felici alcuni nostri clienti a cui abbiamo risolto un problema?

Far capire al nostro interlocutore che siamo noi, insieme a lui/lei, i protagonisti della storia che raccontiamo, è vincente. Il viaggio lo facciamo insieme, noi al suo servizio.
Come dice uno dei massimi esperti di storytelling, Paul Smith, “Una storia è la distanza più breve che ci separa tra l’essere uno sconosciuto e diventare un amico”. E, si sa, la gente preferisce acquistare da un amico

Roberto Valente
Amministratore delegato Health and Beauty e Consigliere Delegato BOS - Cosmofarma.

 

#BeautyForum, #inogninumero, #puntodivista, #BF_lug_ago_21


Newsletter Beauty Forum


zeroventi • Via Passalacqua 4 - 10122 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102