fbpx
Dalla dieta al fumo, le abitudini che favoriscono la pelle impura

Buono a sapersi

  • Beauty Forum

PELLE IMPURA - Aiuta le tue clienti a combattere la pelle impura su due fronti: con efficaci trattamenti su misura, ma anche spiegando loro cosa provoca questa condizione e quali sono le abitudini che la favoriscono.

In tema di salute e bellezza della pelle, le donne contemporanee sono molto più attente e informate di quanto lo fossero le loro mamme e nonne. Spesso, tuttavia, ignorano come semplici abitudini quotidiane possano involontariamente esasperare i tanto odiati inestetismi del viso: lo abbiamo visto con le rughe nel numero precedente, ma lo stesso discorso vale anche per la pelle impura. Ecco perché un’anamnesi molto approfondita è un prerequisito essenziale di un trattamento di qualità: ti consente di risalire all’origine del problema della tua cliente e di trasformarti in una vera e propria “skin coach”, capace di intervenire alla radice del problema e risolverlo.
Per cominciare, ecco una serie di domande che andrebbero sempre rivolte alla cliente durante il colloquio preliminare:

  1. Quali medicinali, vitamine o integratori alimentari assume ogni giorno?
    Farmaci e integratori hanno importanti ripercussioni sulla nostra pelle. Se, ad esempio, la cliente assume dei medicinali contro l’acne, è preferibile non eseguire peeling o trattamenti con vapore.
  2. Fuma? Se sì, quanto?
    Fumare favorisce al comparsa di comedoni.
  3. Ultimamente ha iniziato una dieta? Oppure è già a dieta da qualche tempo?
    Quando si è a dieta o si è digiuni, il corpo inizia un processo di eliminazione delle tossine, tra le cui conseguenze ci può essere il verificarsi di uno squilibrio ormonale. Questo squilibrio favorisce, tra le altre cose, la comparsa di impurità.
  4. È molto stressata?
    Lo stress aumenta la produzione di sebo che, a sua volta, può portare alla comparsa di impurità. In questo caso, oltre agli ordinari consigli di bellezza, è bene chiarire anche l’importanza di allentare i ritmi e trovare il tempo per rilassarsi: a beneficiarne sarà la bellezza della pelle, ma non solo!
  5. Quali prodotti cosmetici sta usando a casa, al momento?
    Questa domanda ti offre uno spaccato sulla beauty routine della cliente e su cosa abbia fatto, finora, per prendersi cura della propria pelle: la risposta a questa domanda può aiutarti a capire se la pelle riceve troppe attenzioni (o se ne riceve troppo poche) e se la cliente utilizza prodotti di skin care o make up che potrebbero contenere degli ingredienti sconsigliati in caso di pelle impura.
  6. Assume dei contraccettivi orali? Oppure li ha appena interrotti?
    Entrambe le circostanze possono causare la comparsa di pelle impura; in caso di interruzione del contraccettivo orale, e della conseguente comparsa di impurità, la causa è da ricercare nello sbalzo ormonale. In questi casi, spiega alla cliente che si tratta di una situazione temporanea e che la pelle impiegherà un po’ di tempo per abituarsi alla nuova situazione ormonale e tornare alla “normalità”.

Cosa dire alle clienti

Come detto in apertura, le donne oggi sono molto più informate rispetto a qualche anno fa; le loro conoscenze, però, si limitano in genere ai prodotti da utilizzare, e solo raramente approfondiscono le ragioni della comparsa di impurità come l’acne. Ha poco senso bombardare le tue clienti con le tue conoscenze (l’esperta della pelle sei tu!), perché non faresti altro che confonderle, ma puoi influenzare positivamente il trattamento fornendo loro delle spiegazioni a riguardo e consigliando loro prodotti a esso collegati. Ma come si può “spiegare” in modo efficace la pelle impura a una cliente? Prova così:

“Il problema principale delle pelle impura, e causa principale dall’acne, è un’eccessiva produzione di sebo. La pelle a tendenza acneica arriva a produrne addirittura 4-5 volte di più rispetto alla pelle sana! Questa 'ingombrante' presenza rallenta il naturale processo di esfoliazione delle cellule che, di conseguenza, rimangono incollate al sebo e si depositano dentro i follicoli e sulla superficie della pelle. I batteri che si trovano sulla superficie del viso riescono a sopravvivere anche senza ossigeno e, addirittura, si nutrono del sebo stesso: se quindi i follicoli sono ostruiti, aumenta anche la quantità di batteri presenti sulla superficie cutanea. Questi batteri, poi, decompongono il sebo e lo trasformano in acidi grassi che si manifestano sul viso sotto forma di irritazioni cutanee e infiammazioni. Altri fattori che possono scatenare la pelle impura sono la predisposizione genetica, l’uso di cosmetici sbagliati, gli influssi ambientali e l’assunzione di alcuni medicinali. Per proseguire il trattamento in modo proficuo, è bene identificare chiaramente i fattori che possono aver contribuito alla pelle impura.”

Il trattamento

Dopo l’anamnesi e un dettagliato colloquio consultivo, disponi di tutti gli elementi che ti servono per predisporre un trattamento individuale per la tua cliente dalla pelle impura. Eccone un esempio:

  1. Rimuovi l’eventuale trucco, anche su occhi e labbra.
  2. Detergi a fondo la pelle, passando sul viso un olio detergente per sciogliere lo sporco liposolubile e gli ultimi residui di make up. Rimuovi poi l’olio con un panno in microfibra umido e caldo. Concludi quindi questa fase applicando un gel detergente a base di acido salicilico per “sbloccare” le ostruzioni nei pori e lenire le infiammazioni; dopo averlo massaggiato, rimuovilo con un panno in microfibra umido e caldo. A questo punto la pelle può essere sottoposta a vaporizzazione.
  3. Esegui ora un’accurata analisi della pelle. Durante questa fase, focalizzati in particolare sulle aree in cui si concentrano i pori ostruiti e, nel frattempo, continua la chiacchierata con la cliente per stabilire le cause delle sue impurità e poter proseguire il trattamento nel modo più adeguato.
  4. Se non sono presenti controindicazioni, esegui ora un peeling a base enzimatico-alcalina: in questo modo puoi pulire i pori in profondità e rendere più ricettivi e malleabili quelli che ancora sono fortemente ostruiti (e che verranno aperti nei passaggi successivi). Applica il peeling in maniera uniforme, lascialo agire sotto il vapore per 5-7 minuti e rimuovilo con un panno caldo.
  5. La pelle è ora pronta per la spremitura manuale: puoi rimuovere non solo i comedoni aperti, ma anche i micro-comedoni e le pustole di milia.
  6. Terminata la spremitura, disinfetta le aree da cui hai rimosso le impurità con un dischetto di cotone imbevuto di una soluzione antibatterica e priva di alcol.
  7. Applica ora un complesso di principi attivi a effetto astringente e calmante. Stendi una maschera purificante ad azione calmante e antibatterica e, trascorso il tempo di posa, rimuovine i residui con un panno umido e caldo.
  8. In chiusura di trattamento, applica sul viso un prodotto curativo personalizzato sulla base del dermotipo della cliente e, se lo desidera, truccala leggermente usando dei cosmetici minerali.

 

Come ridurre le invasioni batteriche

Qualche consiglio per la vita di tutti i giorni

  • Cambia spesso gli asciugamani!
    L'ideale sarebbe usare asciugamani e panni monouso almeno per il viso.
  • Cambia spesso la federa del cuscino!
    Durante la notte, sulla federa si depositano dei batteri che possono portare a nuove infezioni.
  • Pulisci lo smartphone!
    Lo smartphone viene appoggiato praticamente ovunque: lo lasciamo sul tavolino del bar, nella tasca del cappotto o dei pantaloni e lo tiriamo fuori in continuazione per telefonare, messaggiare, navigare o scattare foto; in pratica, siamo sempre con le mani sullo schermo. Il problema è che lo puliamo raramente.
    In caso di pelle impura, pulire regolarmente lo schermo dello smartphone è un'ottima abitudine: per farlo basta usare una salvietta disinfettante.
  • Pulisci i pennelli da make up!
    Ache se usiamo i pennelli da make up tutti i giorni, spesso non li puliamo con la dovuta solerzia. Per evitare proliferazioni batteriche, tuttavia, i pennelli andrebbero puliti quotidianamente con un dischetto di cotone imbevuto di alcol puro, e almeno una volta alla settimana con una soluzione antibatterica. Anche le spugnette da trucco dovrebbero essere accuratamente ripulite dopo ogni utilizzo.
  • Per un appuntamento dopo il lavoro, truccati da zero!
    In genere, quando si ha un impegno subito dopo il lavoro si ha appena il tempo di dare al make up un ritocco veloce. Un’abitudine sbagliatissima, però: è così, infatti, che germi e batteri si distribuiscono in tutto il viso. Meglio struccarsi completamente il viso con una salvietta detergente e disinfettante e riapplicare da zero il make up.
  • Tieni puliti la tastiera del computer, il telefono dell'ufficio e la scrivania!
    È qui che i batteri si muovono più liberamente: il posto di lavoro. È buona norma pulire regolarmente la propria postazione con delle salviette disinfettanti.
  • Cambia il pigiama!
    Per le impurità di collo e décolleté, il consiglio è quello di cambiare con molta frequenza il pigiama o la camicia da notte.
  • Lava prima i capelli e poi il viso!
    Quando fai la doccia, lava prima i capelli e poi il viso: così facendo, eviti che residui di shampoo si depositino sulla pelle e vi rimangano.
  • Pulisci tablet e telecomando!
    L’ambiente in cui viviamo è un covo di batteri: pulisci regolarmente le superfici dei device elettronici con dei panni disinfettanti.
  • Pulisci la tua borsa!
    Le borsette dovrebbero essere pulite regolarmente sia dentro che fuori usando un panno umido.
  • Rinuncia allo zainetto!
    In caso di impurità cutanee sul collo, il consiglio è di smettere di portare lo zainetto: questo, infatti, sfrega sulla pelle irritandola e rendendola un perfetto lasciapassare per germi e batteri, favorendo la diffusione di eventuali infezioni.

 

Stephanie Seng
Estetista ed esperta in trattamenti per la pelle, dirige il suo istituto di bellezza vicino a Friburgo, in Germania.

 

 

#BF_beauty&care, #BeautyForum, #viso, #BF_feb_mar18


Newsletter Beauty Forum


zeroventi • Via Passalacqua 4 - 10122 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102