fbpx
Qualche consiglio per una perfetta manicure maschile

Le mani degli uomini

  • Beauty Forum

MANICURE MASCHILE - Anche gli uomini desiderano unghie e mani curate: impara a prendertene cura nel modo corretto per offrire un servizio esclusivo a tanti potenziali clienti interessati.

È ormai da un pezzo che un uomo seduto a una postazione manicure ha smesso di essere guardato con stupore, quasi fosse un raro esemplare di animale esotico. L’importanza di avere mani e unghie in ordine, tanto nella vita sociale quanto in quella professionale, è infatti un concetto che molti uomini hanno interiorizzato perfettamente. A differenza delle donne, tuttavia, la maggior parte di loro non sa da dove cominciare quando si tratta di prendersi cura delle propria bellezza. Ecco, allora, che rivolgersi a una professionista si profila come una vera e propria esigenza. Ma quali sono le differenze tra una manicure “al femminile” e una “al maschile”?
La prima importante distinzione sta nella scelta dei prodotti, in particolare per quel che riguarda texture e profumazioni. Si può tranquillamente affermare che un uomo che prende appuntamento per una manicure in un centro estetico è guidato da una buona dose di pragmatismo - un po’ come quando si reca dal barbiere o dal parrucchiere. “Niente fronzoli” è quindi la prima regola da seguire. Oltre a questo, cosa si aspetta concretamente un uomo da un servizio manicure?

  1. Che le unghie siano accorciate e che sia data loro una forma naturale e ordinata.
  2. Che le cuticole siano ammorbidite e levigate. Se la situazione in zona cuticola è particolarmente “drammatica", questo passaggio può diventare una parte fondamentale nell’intero trattamento.
  3. La “funzione-benessere” che viene solitamente associata al servizio tende invece a rivestire un’importanza secondaria.

Prima di iniziare, è bene ripassare e tenere a mente alcune nozioni di base sull’unghia e sulla sua anatomia. La lamina ungueale, come sappiamo, si rinnova partendo dalla matrice; la velocità di crescita dell’unghia è di circa 1 mm alla settimana, benché il valore possa variare anche molto da un’unghia all’altra (anche sulla stessa mano). Lo spessore medio della lamina ungueale oscilla tra gli 0,3 e gli 0,5 mm.

Limatura a regola d'arte

Per dare forma all’unghia naturale del tuo cliente, ricorri alla limatura manuale usando una lima con grit 180 o, meglio ancora, 240.
La forma dell’unghia deve seguire quella del bordo libero, ma lavora con cautela: limare in modo troppo energico rischia di provocare delle piccole lesioni nella zona dei valli e del letto ungueale, che possono favorire l’insorgere di infiammazioni del tessuto periungueale come la dolorosa paronichia.

Finish naturalmente lucido

Esistono due possibili metodi per conferire alle unghie maschili un finish lucido ma dall’aspetto naturale. Il primo è la lucidatura diretta dell’unghia con l’ausilio, ad esempio, della parte lucidante di una lima a due o tre fasi. Con questa tecnica l’abrasione è minima; proprio in virtù della delicatezza del metodo, il presupposto per la sua esecuzione è che l’unghia naturale sia perfettamente liscia e uniforme.
Come ben sai, però, è molto più comune avere a che fare con unghie naturali dalla superficie irregolare. In questi casi è meglio optare per un buffer grit 180, in grado di levigare e livellare i solchi più evidenti, così da rendere la lamina il più uniforme possibile per la lucidatura. Non è raro che l’effetto finale provochi un incredulo stupore nei clienti alla loro primissima seduta!
L’abrasione operata dal buffer può arrivare ad asportare fino al 10% della lamina ungueale; è importante, quindi, che quando il cliente si presenta agli appuntamenti successivi si presti attenzione a usare il buffer solo sull’area dell’unghia che nel frattempo è ricresciuta, limitandosi a rifinire le parti già lucidate. Unghie rese troppo sottili da un’abrasione eccessiva non possono più essere riparate e, anzi, nel corso del tempo rischiano di deformarsi o di sfaldarsi all’altezza del bordo libero.

Cura delle cuticole

Il miglior alleato contro la pelle secca intorno alle unghie è l’olio per cuticole, ma attenzione: quelli con pennellino incorporato sono più adatti alla rivendita, mentre per l’uso professionale in istituto andrebbero preferibilmente usati quelli con pipetta contagocce.
Dopo averle ammorbidite, usa un attrezzo dalla punta smussata per spingere indietro le cuticole in eccesso, muovendoti verso la matrice; se il materiale cuticolare è particolarmente abbondante, rimuovine i residui con una fresa (scegliendo una punta adeguata) o con una pinzetta per cuticole, che puoi usare anche per rimuovere con cautela gli eccessi di cute secca. Fai sempre attenzione a non ledere il tessuto sano: se hai dei dubbi, evita di fare il passo più lungo della gamba.
Non vuoi tralasciare l’aspetto “benessere”, malgrado non sia la finalità primaria di una manicure maschile? Esegui, in chiusura di seduta, un massaggio alle mani che si estenda fino al polso (o al massimo al gomito) del cliente. Per questa fase puoi scegliere tra una varietà di approcci diversi, da quelli più classici con l’ausilio di creme e lozioni a quelli più fantasiosi, che si ricollegano alla tradizione ayurvedica. Anche se il massaggio non è essenziale, è un modo piacevole per terminare in bellezza il trattamento.

 

Ralf Bartsch
Dirige il suo nail studio a Solingen, in Germania, ma è stato anche responsabile vendite della Hollywood Nail. Ha fondato una scuola di nail design.

 

 

#BF_beauty&care, #BeautyForum, #mani, #manicure, #uomo, #BF_nov17


Newsletter Beauty Forum


zeroventi • Via Passalacqua 4 - 10122 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102