fbpx
7 trucchi anti-vescica

7 trucchi anti-vescica

A chi non è mai successo, soprattutto in estate, di sentire un fastidioso bruciore ai piedi dopo una lunga escursione, un nuovo paio di sandali o, semplicemente, una lunga camminata indossando delle scarpe senza calze? È il segnale della nascita di una vescica!

Tu o la tua cliente ne soffrite spesso? Seguite questi 7 consigli per prevenire la loro comparsa:

  1. Le scarpe devono essere della giusta misura: non devono essere troppo strette, ma neanche troppo larghe. Inoltre, è importante assicurarsi che siano adeguatamente ammortizzate, indipendentemente dal fatto che siano per fare sport o per camminare in strada.

  2. Le calze non devono fare grinze nelle scarpe, perché potrebbero causare punti di pressione o sfregamenti indesiderati e portare, così, alla nascita di vesciche.

  3. In caso di lunghe passeggiate vanno evitate le calze di cotone: il sudore le renderebbe molto umide e si attaccherebbero alla pelle del piede, intensificando pressione e sfregamento. Meglio sostituirle con delle calze in lana merino o in fibre sintetiche, che assorbono meno l’umidità e fanno sentire il piede più asciutto e pulito. Va detto, inoltre, che se i piedi sono troppo umidi lo strato corneo si gonfierà, cosa che faciliterà la formazione di vesciche.

  4. Soprattutto durante un’escursione, molti dicono di indossare due calzini uno sopra l’altro perché in questo modo, i calzini sfregheranno uno contro l’altro e non contro la pelle.

  5. Se la tua cliente sa già che su alcuni punti dei piedi tendono a formarsi delle vesciche (ad esempio in corrispondenza di una deformazione delle dita), suggeriscile di proteggere quelle aree con un cerotto o dei “cuscinetti” adesivi per minimizzare pressioni e sfregamento. Esistono, infatti, delle protezioni pensate apposta per alcuni punti specifici del piede (come le teste metatarsali o il tallone) che basta incollare dentro la scarpa. Si possono riutilizzare più volte, sono relativamente sottili e sono fatti solitamente di un gel trasparente.

  6. Anche un’adeguata cura dei piedi è fondamentale! Applicare regolarmente una crema nutriente, ad esempio, aiuta a mantenere la pelle morbida ed elastica, rendendola anche meno soggetta alle vesciche. Se questo ancora non bastasse, si può applicare sulle parti più colpite della vaselina o un altro prodotto ricco di lipidi: questi formano sulla pelle un film grasso che aiuta a ridurre attrito e sfregamento e, di conseguenza, la formazione di nuove vesciche.

  7. Anche camminare regolarmente a piedi nudi aiuta a rendere i piedi meno sensibili. Si formano, così, più callosità sui punti più stressati che, poi, fungeranno da strato protettivo in caso di stress.

 

Soprattutto, però, le vesciche vanno bucate oppure no? Lo puoi fare nel tuo istituto? Trovi qui tutte le risposte!


Newsletter Beauty Forum


zeroventi • Via Passalacqua 4 - 10122 Torino • p.i. 10222000019 • reg. imp. TO-1115102